Striscia di Gaza, carenza medicinali minaccia centinaia di pazienti

Gaza – InfoPal. A distanza di poche settimane dall’ultimo allarme, il ministero della Salute del governo di Gaza è intervenuto di nuovo per esporre la crisi delle scorte di medicinali nel territorio palestinese assediato.

“Lo stato di salute di centinaia di palestinesi ora è seriamente compromesso dalla carenza di medicinali di base e specifici per terapie”.

“Su questi pazienti incombe una concreta minaccia di morte perché parliamo di casi che necessitano di chemioterapie, dialisi e terapia intensiva. Sono centinaia le tipologie di medicinali che mancano del tutto a Gaza. Il governo di Ramallah si ostina a sostenere che la crisi è sorpassata”.

“Ma quello che abbiamo ricevuto da Ramallah non è sufficiente per far fronte all’imminente crisi, e, sebbene gli uffici competenti dell’Autorità nazionale palestinese sostengano che i carichi di medicinali inviati a Gaza siano sufficienti per lunghi periodi, i dati sul campo dimostrano un’altra realtà”.

Il ministro ha anche ricordato come, per superare quest’emergenza, le consultazioni con enti stranieri, tra cui l’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) e la Croce rossa internazionale (Icrc), siano intense e costanti.

“Il nostro parere è quello di evitare speculazioni politiche su malati e sofferenti della Striscia di Gaza assediata”.

L’appello del ministro di Gaza è stato pertanto rivolto anche, e in maniera esplicita, al premier del’Autorità nazionale palestinese, Salam Fayyad.

Elisa Gennaro

Articoli correlati:
Gaza sull’orlo di una catastrofe umanitaria: emergenza medicinali e attrezzature mediche
Crisi scorte medicinali: a Gaza nasce Comitato per l’emergenza
Gaza: settore medico sull’orlo del collasso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.