Striscia di Gaza e manovre statunitensi…

Tanto per stare aggiornati. Da Susanne Scheidt, al-Awda -Italia

Il numero di morti, stamattina, ha superato i cento.  Un terzo dei morti sono bambini, il più giovane, ucciso ieri, aveva due giorni.
Le ambulanze palestinesi non possono raggiungere i feriti, perché prive di benzina, in seguito al blocco israeliano. L’Unrwa ha prestato le sue ambulanze, che funzionano con il gasolio in dotazione all’Onu, ma i soldati israeliani sparano contro le ambulanze dell’Unrwa per impedire il salvataggio dei sopravvissuti.
Una flotta militare Usa si è recata dall’Italia e da Malta verso le coste marittime del Libano, per fare da supporto stand-by. Nel frattempo una nave tedesca, di stanza nelle acque libanesi in base alla Risoluzione 1701, si è ridispiegata nelle acque della Striscia di Gaza per dare manforte all’artiglieria israeliana della marina militare.
Tzipi Livni, ministro agli Esteri israeliano, ha detto oggi che anche se Hamas dichiarasse una tregua unilaterale, questo non fermerebbe l’offensiva militare di Israele contro la popolazione della Striscia di Gaza, anzì, promette che quest’offensiva sarà aggravata.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.