Striscia di Gaza, fine settimana segnato da raid aerei: 27 i feriti

Gaza – InfoPal. Il fine settimana nella Striscia di Gaza è stato segnato da una successione di raid aerei dell'aviazione israeliana: il numero dei palestinesi feriti sale dunque a 27. 

Ieri, 27 febbraio, un primo raid ha colpito la zona a sud-est di Gaza City, nel quartiere di az-Zaytoun, e un secondo il campo di al-Maghazi, al centro della Striscia di Gaza. Qui un palestinese è stato ucciso nonostante gli immediati soccorsi ricevuti in ospedale. 

Un secondo ciclo di attacchi aerei ha mirato ad un gruppo di combattenti delle brigate “al-Quds”, braccio militare del Jihad islamico. Anche quest'operazione ha interessato la parte orientale di Gaza. Un combattente è stato ucciso – 'Abdel Majid Ghazi Shaheen -, e due altri sono rimasti gravemente feriti. Un'ora prima c'era stato un altro attacco aereo che non ha provocato vittime o ferimenti. 

Le forze d'occupazione israeliane hanno dichiarato che l'offensiva “è una reazione ai frequenti lanci di mortaio che dal territorio palestinese vengono scagliati contro il Negev”. Tuttavia, è evidente che mentre i media di tutto il mondo si stanno concentrando sulle rivoluzioni e ribellioni nel mondo arabo, Israele ne approfitta per bombardare continuamente la Striscia di Gaza, senza suscitare reazione alcuna da parte della “comunità internazionale”.

Articoli correlati: 

Nuova catena di raid aerei contro la Striscia di Gaza 

Raid aerei israeliani contro la Striscia di Gaza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.