Striscia di Gaza, raggiunto un accordo sulla tregua con Israele. Inizierà domani mattina.

Gaza – Infopal. Hamas e le fazioni palestinesi hanno accettato una tregua con Israele nella Striscia di Gaza, che partirà da domani, giovedì 19 giugno, alle 6 del mattino. Lo ha annunciato oggi il dott. Mahmud az-Zahar, dirigente di spicco di Hamas, ieri sera, durante una conferenza stampa svoltasi nella città di Gaza.

Az-Zahar ha spiegato che le due parti – palestinese e israeliana – hanno accettato la prima fase della proposta egiziana, in modo da dar vita a una tregua reciproca e contemporanea nella Striscia di Gaza.

Il dirigente di Hamas ha aggiunto che la tregua è "il frutto della pazienza e della resistenza delle fazioni palestinesi che hanno concordato una posizione unitaria durante gli incontri sia all’interno della Striscia sia all’esterno, a Damasco, con la mediazione dell’Egitto".

L’ex ministro degli esteri az-Zahar ha riferito che "la tregua comprende l’apertura di tutti i passaggi e spiana il terreno, da una parte, a un dialogo diretto tra Hamas e le altre fazioni palestinesi, e dall’altra con il movimento di Fatah e la presidenza palestinese".

Ha poi aggiunto che la questione del soldato israeliano sequestrato due anni fa, Gilad Shalit, è un tema a sé, anche se è stato concordato con la parte egiziana di riattivare il dialogo per lo scambio dei detenuti.

Rapporti con l’ANP di Abbas. Az-Zahar ha fatto sapere anche che "non ci sono problemi con il presidente Mahmud Abbas", ma solo differenze nei programmi, e si è detto sicuro che quando ne verrà concordato uno unitario, "ci sarà accordo".

Khalil al-Hayyah, un altro dirigente di Hamas ha riferito i punti dell’accordo raggiunto sotto il patrocinio egiziano, e ha precisato che l’inizio della tregua sarà contemporaneo all’apertura di tutti i passaggi commerciali e che Israele farà entrare tutti i prodotti necessari alla Striscia di Gaza.
Ha aggiunto che l’Egitto, una settimana dopo l’inizio della tregua, ospiterà Hamas, la presidenza palestinese e l’Unione Europea al Cairo per discutere i meccanismi del funzionamento del valico di Rafah.

Il presidente Abbas ha giudicato la tregua "un interesse nazionale del popolo palestinese", e ha apprezzato gli sforzi di mediazione intrapresi dagli egiziani sotto la guida del presidente Hosni Mubarak.

I punti dell’accordo elencati da al-Hayyah durante la conferenza stampa:
1-accettare la fine reciproca di tutte le attività militari nella Striscia di Gaza, a partire dalle sei del mattino di giovedì 19 giugno.
2-La durata della tregua è di sei mesi, in base a quanto è stato concordato dalle fazioni palestinesi al Cairo.
3-La tregua verrà eseguita in accordo con tutte le fazioni palestinesi.
4-Apertura di tutti i passaggi commerciali della Striscia di Gaza entro pochi giorni dall’inizio della tregua.
5- Ingresso di tutti i prodotti di cui hanno bisogno gli abitanti della Striscia.
6-L’Egitto si attiverà per riportare la tregua in Cisgiordania.
7-Dopo una settimana dall’inizio della tregua, l’Egitto si adopererà per promuovere l’incontro dei movimenti di Hamas e Fatah con l’Unione Europea, al Cairo, per discutere i meccanismi della riattivazione del valico di frontiera di Rafah.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.