Su pressione Usa/Israele, Abbas esautora Siyam e nomina Dahlan a capo della sicurezza nazionale.

Gravissima svolta negli affari interni palestinesi. Con un decreto verbale, e su ormai acclamate pressioni statunitensi e israeliane, Abbas esautora il ministro degli Interni palestinese, Said Siyam, e nomina un personaggio duramente accusato anche all’interno di Fatah di connivenza con l’occupazione, a capo della sicurezza nazionale: Mahmoud Dahlan.

La Presidenza dell’Anp, anziché farsi garante, super partes, della sicurezza e degli interessi nazionali palestinesi, si è piegata alle pressioni straniere e alla strategia della tensione messa in atto in questi mesi da forze interne ed esterne con il solo obiettivo di delegittimare un governo democraticamente eletto e un partito, Hamas, che, ci piaccia o meno, ha ottenuto il 60% dei consensi popolari alle elezioni di un anno fa.

Il presidente Mahmoud Abbas “Abu Mazen” ha emesso ieri sera un decreto presidenziale nominando l’ufficiale Jamal Kayed capo delle forze di sicurezza nazionale nella Striscia di Gaza come successore dell’ufficiale Sleiman Hels.

Fonti bene informate hanno dichiarato che "il presidente Abbas ha preso la decisione di fermare i disordini diffusi nelle province della Striscia di Gaza”.

Una fonte palestinese di spicco nella segreteria della Presidenza ha riferito che il presidente Abbas deve prendere una serie di decisioni per quanto riguarda la piazza palestinese, per i disordini e la liberta circolazione delle armi tra la popolazione palestinese.

Un importante mezzo di informazione palestinese ha riportato la dichiarazione di una fonte di sicurezza vicina all’ufficio della Presidenza, ma che vuole mantenere l’anonimato, secondo cui Abbas avrebbe emesso un decreto che assegna a Mohammed Dahlan la direzione generale degli organi di sicurezza palestinesi.

La fonte presidenziale ha aggiunto che tale decreto è solo verbale e non scritto per timore che il governo e il ministro degli Interni, Said Siyam, possano protestare. Il decreto è stato messo in pratica in base a direttive di Abbas ai capi degli organi di sicurezza palestinesi, che riceveranno da ora in poi ordini diretti da Dahlan. I due si sono incontrati a Gaza all’insaputa del ministro degli Interni.

 

Secondo quanto dichiarato dalla fonte, Dahlan ha iniziato il suo lavoro come capo degli organi di sicurezza appena terminato l’incontro con Abbas e con i vari capi della sicurezza nella sede della Presidenza, a Gaza.

La fonte ha aggiunto che la decisione di Abbas giunge in seguito alle condizioni poste dagli americani e dagli israeliani, che chiedevano di nominare Dahlan a capo della sicurezza. In cambio, gli Usa, attraverso Dahlan, ricostruiranno e finanzieranno questi organi e forniranno armi, munizioni, mezzi di trasporto e attrezzature. Per questa ragione hanno stanziato una ingente somma. 

(Fonte: Agenzia stampa Al-Watan)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.