Summit dei Paesi arabi respinge e rinvia sostegno economico a Gerusalemme

Ramallah – InfoPal. Il ministro degli Esteri del governo dell'Autorità nazionale palestinese (Anp), Riyad al-Maliki ha espresso parole di biasimo e delusione per gli esiti del Summit economico dei Paesi arabi svoltosi ieri, 19 gennaio, a Sharm ash-Shaykh, in Egitto.

La delusione di al-Maliki è strettamente relativa ai contenuti e all'inerzia manifestata dai Paesi arabi in merito ai finanziamenti per la protezione di al-Quds (Gerusalemme).

“Ieri c'è stata la mancanza di una presa di posizione chiara da parte dei Paesi arabi”, ha riferito alla stampa al-Maliki, lamentando pure il basso livello dei rapporti economici commerciali riconosciuti alla Palestina rispetto al volume d'affari (accordi commerciali, edilizia e comunicazione) che lega i vari Paesi arabi.

A Sharm ash-Shaykh, i progetti elaborati dalla delegazione palestinese per lo sviluppo economico di Gerusalemme hanno ricevuto un rinvio a marzo prossimo, quando si spera di poter ottenere l'erogazione dei finanziamenti per la loro realizzazione.

“Di fronte alla rapidità finanziaria con cui crescono in Palestina gli insediamenti israeliani, ieri è emersa una grave debolezza dei Paesi partecipanti. Mai come oggi, la protezione di Gerusalemme dovrebbe ricevere attenzione e supporto finanziario per essere in grado di affrontare l'espansione coloniale israeliana”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.