Tel Aviv consente agli agricoltori del Golan di esportare in Siria le eccedenze.

Nazareth – Infopal. Le autorità di occupazione israeliane hanno deciso di consentire agli agricoltori drusi del Golan siriano, occupato dal 1967, di esportare in Siria le eccedenze dei loro raccolti.

Fonti di stampa israeliane affermano che il ministro della Difesa Ehud Barak ha risposto positivamente alla richiesta del ministro dell'Agricoltura Shalom Simhon di consentire agli agricoltori drusi (siriani) del Golan di vendere le loro eccedenze (mele, soprattutto) alla Siria attraverso il passaggio di Qunaytra, così come hanno fatto negli ultimi anni.

Gli agricoltori siriani delle alture del Golan occupato sperano così di poter esportare in Siria circa dieci mila tonnellate di mele.

Com'è accaduto in precedenza, le mele raccolte vengono trasferite dai depositi del Golan al posto di controllo israeliano di Qunaytra. Dopo vengono trasferite con dei camion del Comitato internazionale della Croce Rossa, che le consegnano ai venditori in attesa sul lato siriano del confine. Queste operazioni dureranno circa un mese e mezzo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.