Terzo giorno di attacchi contro Nablus

L’esercito di occupazione israeliano prosegue per il terzo giorno consecutivo i suoi attacchi contro le organizzazioni e le associazioni civili della città di Nablus, a nord della Cisgiordania. Oggi, mercoledì 9 luglio, è stata chiusa, dopo un’operazione generale di sequestro, la scuola di “Dar al-Coran”, un istituto per l’insegnamento del Corano. La chiusura imposta alla scuola vieta lo svolgimento delle lezioni per i prossimi due anni.

Fonti locali e testimoni oculari hanno riferito che, all’alba di oggi, più di 40 corazzati hanno invaso la cittadina di Qablan, in provincia di Nablus, mentre forze consistenti dell’esercito israeliano hanno circondato e perquisito la sede del comune del capoluogo, appostandosi sul tetto.

Si ricorda che il sindaco di Nablus, Adli Yaish, è detenuto nelle prigioni israeliane da un anno, per effetto della campagna israeliana contro i deputati, i sindaci e i consiglieri considerati vicini a Hamas. 

Ieri l’esercito di occupazione, nell’ambito della stessa campagna generalizzata, aveva chiuso anche cinque associazioni caritatevoli e un centro commerciale, con cinquanta negozi al suo interno. A tutti è stata imposta la cessazione della loro attività per i prossimi due anni, e le loro proprietà sequestrate sono state trasferite all’esercito di occupazione.

Questa campagna intende distruggere le infrastrutture sociali di Hamas, com’è spiegato nella dichiarazione israeliana al riguardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.