Tony Blair in visita a Gaza: occorre togliere subito l’assedio

<!–[if !mso]> <! st1:*{behavior:url(#ieooui) } –>

Gaza – Infopal. Il rappresentante del Quartetto per il Medio Oriente, Tony Blair, ha dichiarato che occorre togliere subito l’assedio imposto sulla Striscia di Gaza e fornirla di tutti i prodotti di cui ha bisogno: non solo cibo, carburante e medicine, ma anche tutto l’occorrente per la ricostruzione.

Ieri, domenica 1° marzo, durante una conferenza stampa indetta in una scuola appartenente all’UNRWA nella tenuta di Beit Hanun, a nord della Striscia di Gaza, Blair ha fatto sapere che “ci attende molto lavoro per poter stabilire gli aiuti da fornire a quella popolazione, affinché si possa poi proseguire nell’operazione di pacificazione”.

Ha quindi spiegato che, con la sua visita nella Striscia di Gaza, voleva vedere di persona quanto accaduto durante l’ultima guerra, e che avrebbe riferito le sofferenze dei palestinesi alla conferenza dei paesi donatori prevista per oggi a Sharm al-Shaikh.

Blair ha visitato le zone distrutte a nord della Striscia, verificando quanto occorre agli abitanti, in particolare a chi ha perso la casa, così come ha incontrato i rappresentanti delle diverse circoscrizioni, discutendo con loro delle necessità più urgenti.

Ha inoltre preso conoscenza del dramma delle grandi discariche a Beit Lahia, a proposito delle quali i paesi donatori hanno promesso di finanziare un progetto per il loro trasferimento a est di Jabaliya.

 

Il vice direttore della Banca Mondiale, Juan José Daboub, che ha raggiunto ieri la Striscia di Gaza, ha fatto sapere che gli aiuti internazionali non avranno alcun valore finché Israele continuerà a chiudere i valichi. Daboub ha visitato diversi ospedali e zone distrutte, lasciando trapelare il proprio turbamento di fronte alla devastazione.

Anche il Ministro britannico per lo Sviluppo, Alexander Dolgov, ha raggiunto ieri la Striscia di Gaza per conoscere da vicino la situazione. Tutte queste visite hanno lo scopo di riferire i bisogni della popolazione alla conferenza dei donatori di Sharm al-Shaikh.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.