Torino. Efficace contestazione teatrale del Centro Peres. Nessuno dimentichi i crimini contro i palestinesi

Riceviamo e pubblichiamo.
Dal Forum Palestina: http://www.forumpalestina.org/news/2009/Marzo09/13-03-09TorinoEfficaceContestazione.htm

Torino. Efficace contestazione teatrale del Centro Peres. Nessuno dimentichi i crimini contro i palestinesi

Mercoledi 11 Marzo c'è stata una efficace contestazione ai cercatori di Pace del Centro intitolato a Shimon Perez, nemico giurato di Hamas e responsabile della 1° strage di Cana del 18 aprile del 1996 ( http://www.repubblica.it/2006/07/sezioni/esteri/medio-oriente-9/attacco-a-cana/attacco-a-cana.html )
per l'offensiva esplicitamente denominata 'Furore' che portò a 60 morti di cui 37 Bambini.
———————————————————————————————————–


dalla programmazione del Circolo dei Lettori:

CERCATORI DI PACE
Ottavia Piccolo legge Manuela Dviri (ambasciatrice in Italia di Saving Children – La medicina al servizio della pace), un progetto di collaborazione tra medici israeliani e palestinesi.
Intervengono Carlo Baffert (Presidente del Comitato Amici Centro Peres per la Pace), Sarah Kaminski (Docente di Ebraico – Università di Torino), Mercedes Bresso (Presidente della Regione Piemonte) e Evelina Christillin (Presidente del Teatro Stabile)
A cura di Comitato Amici Centro Peres per la Pace


Cronologia di una contestazione.

Costumi Materiale e attori:
Mantellina folletto con cappuccio, Depliand fronte retro.
Attori: Mario, Matteo, Maria
altri: Gruppo di manifestanti con striscione.

1) Con mezzora di anticipo sull'appuntamento “Mario” in giacca e cravatta si è presentato al Circolo dei Lettori e pochi minuti della kermesse ha distribuito un pieghevole con in copertina lo staff del Centro Peres, circa 150 copie sono state richieste in pochi minuti, Mario gentilmente accompagnava alcune signore a prendere posto e consegnava il prezioso documento con tanti ringraziamenti, scambiato per personale del Centro Peres, Mario ha più volte rinviato a dopo le informazioni richieste sul Centro, consigliando vivamente e gentilmente la lettura del documento.

2) Pochi minuti e l'iniziativa parte con le presentazioni di rito … a questo punto entra in scena “Matteo” che, creando una breve interruzione, invita tutti a controllare la presenza del pieghevole tra la documentazione mostrandone uno, sottolinea l'importanza di leggerlo perchè è la dimostrazione che anche molti israeliani non condividono l'ipocrisia di certe iniziative come quella, e che il dibattito era un'occasione per parlare anche di questioni più generali e importanti come il boicottaggio di Israele e il progetto di stato unico e democratico per risolvere la questione israelo-palestinese, c'è molto imbarazzo tra i promotori dell'iniziativa, chi non è riuscito a prenderlo prima ritira il pieghevole di controinformazione.

3) Ottavia Piccolo legge Manuela Dviri, in sala c'è molto imbarazzo, al tavolo sono presenti i “Cercatori di Pace” del Centro Torinese, spicca Evelina Christillin e Mercedes Bresso accolta in strada da un altro gruppo di manifestanti con striscione “Palestina Libera”.

4) Carlo Baffert cerca di concludere la serata …è a questo punto che dal pubblico si alza “Maria”, una piccola signora anziana, distinta, che chiede gentilmente se sono previsti 5 minuti da dare al pubblico per una replica, la sala è rumorosa, la signora ripete la richiesta e l'organizzatore risponde NO!
E' a questo punto che Maria si alza e con la mantellina a mo' di folletto urla con tutta la sua forza un messaggio che sgomenta i presenti suonando come una profezia: “Sarete condannati dalla Storia per i crimini di guerra contro l'umanità perpetrati ai danni della società palestinese dal 1948”, la sala è a pezzi, molti si avvicinano per dare solidarietà a Maria, i cercatori di Pace balbettano, neanche il generoso contributo economico promesso dalla governatrice piemontese riesce a farli sorridere!
Anzi no Mercedes Bresso attiva il suo sorriso sperimentato durante le contestazioni del movimento Anti Tav, anche la Evelina sorride, ma in sala non c'è nessun fotografo, c'è solo tanta gente che ha scoperto l'ipocrisia di chi cerca la pace promuovendo/sostenendo le guerre più sanguinose, gente che va a casa con le 10 domande del nostro documento senza aver ricevuto alcuna risposta , risposte che non hanno/voluto/saputo dare gli organizzatori della serata ma che saranno per tutti i partecipanti un test importante anche per verificare la propria onestà intellettuale.

Palestina Libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.