Tregua israelo-palestinese, l'Egitto prosegue i contatti.

 

Tel Aviv – Infopal

Israele e Egitto stanno effettuando trattative serrate per creare le condizioni che permettano la dichiarazione di una tregua a lungo termine nella Striscia di Gaza e per la riapertura del valico di Rafah.

Questa mattina, la radio israeliana ha riferito che Amos Gilad, presidente della commissione di sicurezza e politica al ministero della Difesa, ieri ha visitato l’Egitto per la seconda volta in una settimana per incontrare il capo dell’intelligence, Omar Sulaiman.

La radio ha riferito che Israele "rifiuterà tale richiesta, ma potrà accettare la riapertura parziale del valico di Rafah", e ha aggiunto che "l’Egitto ha promesso di intensificare le attività di sicurezza lungo le frontiere con la Striscia di Gaza per impedire il traffico illegale di armi".

Da parte sua, il ministro degli Esteri egiziano, Ahmad Abu al-Ghait, ha confermato il proseguimento dei contatti tra le due parti, ma ha spiegato che la tregua "non è ancora stata formulata. I contatti con Israele e con la parte palestinese e i fratelli di Hamas sono in piedi, ma non è stata ancora raggiunta una situazione che possa realizzare la tregua".

Il giornale londinese al-Hayat ha riportato da fonte egiziana affidabile che l’Egitto ha informato Israele del proprio interesse a far funzionare il valico di Rafah, ma ha confermato che "la tregua è la cosa fondamentale. Senza di essa il valico non funzionerà".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.