Ucciso un comandante delle brigate Abu Ammar a Jenin

Mercoledì sera le forze speciali israeliane hanno ucciso un uomo della resistenza nella città di Jenin, nord della Cisgiordania.

Fonti locali palestinesi hanno riferito che le forze speciali israeliane hanno freddato il dirigente delle brigate “Abu Ammar”, Talal Said Abed (32 anni), poco dopo averlo ferito e arrestato, insieme ad un altro mujahid, Mohammad Burhan Abed (25 anni). Il tutto è avvenuto nella cittadina di Kufr Dan, a ovest di Jenin.

Fonti israeliane hanno supposto che Abed sia deceduto durante il suo trasferimento in ospedale: sarebbe stato ferito al collo da una pallottola sparata da un soldato israeliano che aveva tentato di fermare la macchina che Talal stava guidando, ma lui avrebbe tentato di fuggire e sarebbe stato colpito, e poi arrestato insieme al suo compagno. 

Si ricorda che le brigate Abu Ammar sono osteggiate sia dalle forze di occupazione, sia dalle forze palestinesi che rispondono al presidente Mahmud Abbas.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.