Ufficio dei rifugiati in Libano: ‘Nessun miglioramento della loro condizione’

Beirut – InfoPal. L’Ufficio per i rifugiati palestinesi del Movimento di resistenza islamica, Hamas, ha redatto un rapporto nel quale si invita a rivedere tutta la politica che, ad oggi, lede i diritti dei profughi palestinesi in Libano.

Si legge nel documento: “Diffidenza e paura della loro presenza sul territorio è quanto ancora oggi si registra da parte libanese.

“Da quando abbiamo fatto esplicite richieste al governo libanese, a due anni di distanza, riscontriamo che non sono stati affrontati neanche i casi di estrema emergenza.
Oltre a ciò, anche le organizzazioni che avrebbero voluto intervenire con attività nel campo di Nahar al-Bared sono state ostacolate dall’entrare. Il campo si trova in gravi condizioni, e non si permette la sua ricostruzione.

Vige sul campo il divieto di introdurre materiali, impedendo anche a gruppi internazionali, dall’Europa o dall’Onu, di lavorare per lo sviluppo.

L’Ufficio chiede di riconoscere ai palestinesi in Libano diritti civili e sociali, il diritto al lavoro, il diritto ad essere proprietari di una casa, con il diritto di eredità che ne deriva.

Si chiamano in causa anche i detenuti e la situazione di sicurezza che opprime il campo.
I rifugiati vengono perquisiti e umiliati, non hanno il diritto di viaggiare.

In conclusione, si ricorda che, mesi fa, “proprio l’ufficio Onu per i Diritti umani aveva stilato un documento contenente molte raccomandazioni sui rifugiati palestinesi, che il governo libanese non ha accolto, senza fornire una giustificazione.

“Di fronte a queste valutazioni, crediamo che non ci siano segni di miglioramento della condizione dei palestinesi in Libano”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.