Ulivi incendiati a causa dei gas lacrimogeni

Gerusalemme – Ma’an. Lunedì, le forze israeliane stanziate vicino al villaggio di Qatanna, nella zona di Gerusalemme, hanno lanciato gas lacrimogeni contro un gruppo di giovani contadini. Il calore dei gas ha provocato un incendio, che ha danneggiato 40 alberi. 

Il capo del consiglio cittadino ha riferito a Ma'an che la boscaglia intorno all’oliveto era secca e ha preso fuoco facilmente, abbattendo 10 alberi e danneggiandone altri 30. Ha aggiunto, inoltre, che le forze non hanno notato pompieri, nonostante abbiano assistito all’incendio.

Un funzionario israeliano ha dichiarato che le guardie di confine stanziate nell’area hanno risposto al lancio di pietre con i meccanismi usati per la repressione di sommosse.

Durante l’estate del 2010, molti campi a nord di Ramallah sono stati incendiati e, almeno in due circostanze, i manifestanti sono rimasti ustionati a causa del lancio di gas lacrimogeni in zone interessate da siccità. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.