Ultime notizie dalla Gaza Freedom March (ore 13.00)

 

Ultime notizie dalla Gaza Freedom March (ore 13.00).

Oggi martedi 29 dicembre, le varie delegazioni internazionali presenti in Egitto nell'ambito della Gaza Freedom March hanno dato vita a numerose manifestazioni sotto le proprie ambasciate di appartenenza. Gli attivisti statunitensi sono stati completamente circondati dalla polizia egiziana. La delegazione italiana (Forum palestina, Action for Peace) riunita in assemblea permanente sotto la legazione diplomatica, si è nuovamente incontrata con il 1° Segretario dell’Ambasciata italiana al Cairo avanzando la proposta di far passare almeno una delegazione ristretta per fare arrivare gli aiuti raccolti per le strutture e la popolazione palestinese di Gaza. Tra questi si sottolinea l’impegno preso in Italia con l’ospedale palestinese Al Awda di Jabalya che ha coinvolto decine di città e di associazioni.

Oggi è previsto un incontro con il Sindacato dei Giornalisti egiziani nella cui sede sta attuando lo sciopero della fame Hedy Epstein – 85 anni, ebrea scampata ai campi di sterminio. Successivamente è previsto un SIT IN insieme al sindacato degli avvocati convocato per ricordare il primo anniversario del massacro dei palestinesi operato dalle truppe israeliane a Gaza. Due giorni fa la manifestazione degli avvocati egiziani era stata dispersa dalla polizia.

Mentre le autorità egiziano stendono oggi il tappeto rosso per ricevere il premier israeliano Netannyahu, usano il pugno di ferro contro gli attivisti internazionali ed egiziani. Netanyahu è in Egitto per discutere sullo scambio dei prigionieri e degli accordi economici con cui Israele di fatto condiziona pesantemente l’Egitto. Secondo Mila Pernice del Forum Palestina per l’Egitto aver tenuto sequestrati al Cairo gli attivisti della Gaza Freedom March durante la visita di stato di Netanyahu può rivelarsi un boomerang.

Tra i vari presidi sotto le ambasciate e negli appuntamenti in giro per la capitale egiziana si segnala la presenza della giornalista israeliana Amira Hass, mentre nei media arabi – Al Jazeera soprattutto – cominciano a trapelare commenti critici sull’atteggiamento delle autorità egiziane contro gli attivisti internazionali giunti da ben 42 paesi per recarsi a Gaza in solidarietà con la popolazione palestinese ad un anno dal massacro dell’Operazione Piombo Fuso realizzato dalla truppe israeliane.

www.forumpalestina.org

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.