Um Kamel al-Kurd: non lascerò questa terra e proseguirò la mia lotta

Normal
0
14

false
false
false

MicrosoftInternetExplorer4

<!–
/* Font Definitions */
@font-face
{font-family:Tahoma;
panose-1:2 11 6 4 3 5 4 4 2 4;
mso-font-charset:0;
mso-generic-font-family:swiss;
mso-font-pitch:variable;
mso-font-signature:1627421319 -2147483648 8 0 66047 0;}
/* Style Definitions */
p.MsoNormal, li.MsoNormal, div.MsoNormal
{mso-style-parent:"";
margin:0cm;
margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:12.0pt;
font-family:"Times New Roman";
mso-fareast-font-family:"Times New Roman";}
p.ecmsonormal, li.ecmsonormal, div.ecmsonormal
{mso-style-name:ec_msonormal;
margin-top:.75pt;
margin-right:0cm;
margin-bottom:16.2pt;
margin-left:0cm;
mso-pagination:widow-orphan;
background:white;
font-size:10.0pt;
font-family:Tahoma;
mso-fareast-font-family:"Times New Roman";}
@page Section1
{size:612.0pt 792.0pt;
margin:70.85pt 2.0cm 2.0cm 2.0cm;
mso-header-margin:36.0pt;
mso-footer-margin:36.0pt;
mso-paper-source:0;}
div.Section1
{page:Section1;}
–>

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;
mso-ansi-language:#0400;
mso-fareast-language:#0400;
mso-bidi-language:#0400;}

Ieri, domenica 23 novembre,
centinaia tra gerusalemiti e palestinesi dei territori occupati nel 1948 e del
quartiere Shaikh Jarrah, insieme a molte personalità del mondo culturale e
politico palestinese, hanno partecipato al funerale dello Hajj Mohammad Kamel
al-Kurd, 62 anni, dello stesso quartiere di Shaikh Jarrah a Gerusalemme.

La bara, avvolta nella bandiera
palestinese, è stata trasportata dalla tenda as-Sumud (la tenda che ospita la
famiglia di al-Kurd, cacciata via dalla propria casa dall’esercito israeliano)
nel quartiere Shaikh Jarrah, verso la moschea di al-Aqsa, per la preghiera
sulla salma.

Umm Kamel, dopo aver dato l’ultimo
saluto al marito, ha gridato davanti alla sua casa, sequestrata dai coloni: “Non
me ne andrò, rimarrò qui in questa terra a lottare finche non riacquisteremo i
nostri diritti!”

Rafiq al-Hariri, capo gabinetto
della presidenza, ha dichiarato che Abu Kamel, cacciato brutalmente dalla
propria casa dalle autorità di occupazione, è “morto con la rabbia nel cuore”. Ha
poi lodato la resistenza della famiglia al-Kurd, che per lunghi anni si è
opposta alle associazioni coloniali per proteggere la propria casa fino
all’ultimo.

Abu Kamel al-Kurd, deceduto sabato sera,
era stato ricoverato due settimane fa, dopo che circa 3000 poliziotti, la
mattina del 9 novembre scorso, avevano evacuato con la forza la sua famiglia
dalla sua casa, per consegnare quest’ultima a un gruppo di coloni. Le forze
israeliane avevano infatti impedito l’arrivo dell’ambulanza, ed Abu Kamel era
rimasto all’aperto per ore; all’arrivo in ospedale, le sue condizioni erano
molto peggiorate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.