Un ferito e quattro arrestati durante le proteste settimanali a Bil’in

Imemc. Un ferito e quattro arrestati sono il bilancio dell'attacco dei militari israeliani contro coloro che, settimanalmente, il venerdì, protestano pacificamente contro il Muro a Bil'in, nella Cisgiordania centrale.

Come negli scorsi cinque anni, i sostenitori israeliani ed internazionali si sono uniti ai locali, dopo la preghiera di mezzogiorno, per marciare verso il Muro.

Appena è stato raggiunto il passaggio che separa le terre annesse da Israele col Muro, i soldati israeliani hanno sparato gas lacrimogeni, bombe sonore e proiettili di gomma [in realtà in grado di uccidere, ndt].

Mustafa Al Khateeb, di diciotto anni, è stato colpito alla schiena da un lacrimogeno, così è stato portato in ospedale. Molti sono rimasti intossicati. E quattro sostenitori israeliani della protesta sono stati arrestati.

Bil'in, nella Cisgiordania centrale, è il teatro di una protesta pacifica settimanale, da cinque anni, contro il Muro israeliano. Sebbene si tratti di una protesta non violenta, Israele spesso reagisce violentemente.

Lo scorso anno, infatti, l'esercito israeliano ha ucciso con un lacrimogeno, Bassam Abu Rahmah, un attivista locale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.