Un giornalista palestinese: i media occidentali “ipocriti e razzisti” consentono i crimini di guerra israeliani a Gaza

MEMO. I media occidentali hanno perso ogni parvenza di neutralità e sono diventati “parte del problema” quando si tratta dei crimini di guerra in corso di Israele contro i Palestinesi nella Striscia di Gaza, secondo un giornalista palestinese, riferisce l’Agenzia Anadolu.

“I media occidentali consentono a Israele di commettere questi crimini di guerra e massacri di Palestinesi perché si rifiutano di coprire ciò che sta realmente accadendo sul campo”, ha detto Ahmed Alnaouq, un giornalista palestinese con sede a Londra ad Anadolu.

“È molto forte e chiaro che i media occidentali ora sono ipocriti quando si tratta di questa guerra a Gaza”.

Più di 23 membri della famiglia di Alnaouq  sono stati uccisi nel continuo attacco israeliano contro Gaza, tra questi suo padre, i fratelli, le sorelle e 14 nipoti.

Per lui, i media occidentali sono “partner” nei crimini di Israele.

I media occidentali: complici dei crimini di guerra israeliani.

“I media occidentali hanno un lavoro. Il loro compito è riportare le notizie come avvengono e non stanno facendo il loro lavoro”, ha detto.

“Anche la comunità internazionale ha la responsabilità di impedire a Israele di commettere queste atrocità contro il popolo palestinese ma, sfortunatamente, non sta facendo il suo lavoro”.

Ha anche criticato i media occidentali per la loro apatia nei confronti dell’implacabile uccisione di giornalisti a Gaza, dove almeno 142 operatori dei media sono stati uccisi durante gli attacchi israeliani dallo scorso ottobre.

I media occidentali non si preoccupano dei loro colleghi palestinesi a causa della loro “identità” e del “colore della pelle”.

“Se questa uccisione di massa di giornalisti fosse avvenuta in un altro paese, se non fossero stati Palestinesi, avremmo assistito alla protesta di tutti i media occidentali”, ha aggiunto.

“Purtroppo, solo perché sono palestinesi, al mondo non importa molto. Questa è una tragedia. I media occidentali sono razzisti”.

Israele non riuscirà a mettere a tacere i giornalisti palestinesi.

Israele sta affrontando un caso di genocidio davanti alla Corte Internazionale di Giustizia (ICJ) per il suo attacco contro Gaza, che ha ucciso oltre 34.600 Palestinesi, la stragrande maggioranza erano donne e bambini, e ne ha feriti circa 77.900.

Ne ha sfollato milioni, circa l’85 per cento della popolazione, lasciandoli ad affrontare la carestia e una grave carenza di assistenza medica e altri beni essenziali.

Gli attacchi israeliani hanno anche devastato vaste aree dell’enclave assediata, distruggendo ogni cosa, dalle abitazioni alle strutture mediche, agli istituti scolastici e ogni tipo di infrastruttura civica.

Questi sono i crimini che Israele vuole in qualche modo nascondere con i suoi “assassinii” di giornalisti, ma non ci riuscirà, ha affermato Alnaouq.

“Quando uccidi un giornalista in Palestina, altre 100 persone vorranno diventare un giornalista”, ha spiegato.

I Palestinesi e il popolo di Gaza si sono appoggiati da tempo a “giornalisti cittadini che si fanno carico di registrare ciò che sta accadendo… e di condividerlo con il mondo”.

Nonostante tutte le atrocità di Israele, queste persone continueranno a farlo perché la considerano una “responsabilità morale, etica e professionale” che faranno di tutto per soddisfare, ha aggiunto.

Traduzione per InfoPal di Edy Meroli