Un ‘grande rientro’ per Bertinotti dentro una grande provocazione

Riceviamo e pubblichiamo.

Un “grande rientro” per Bertinotti dentro una grande provocazione 
contro i palestinesi

Comunicato Stampa

A volte la realtà supera ogni peggiore immaginazione. Sulle pagine de 
“Il Riformista” di oggi 24 aprile, in una intervista al “guru” 
Massimo Fagioli, quest’ultimo rivela che starebbe preparando un 
grande rientro pubblico per Fausto Bertinotti dopo la catastrofe 
politica ed elettorale della sinistra di cui è stato il principale 
responsabile. Fin qui poco o nulla da eccepire. Lo psicanalista 
Fagioli è riuscito a realizzare con Bertinotti e il PRC le stesse 
devastazioni che fede negli anni ’80 sul gruppo dirigente di Lotta 
Continua, ma ognuno è libero di sedersi sul lettino che vuole e farsi 
rincoglionire a dovere dai tanti guru che prosperano nell’epoca del 
pensiero debole.

La questione diventa grave ed inaccettabile quando lo scenario in cui 
Fagioli prepara il grande rientro pubblico di Bertinotti è sabato 10 
maggio alla Fiera del Libro di Torino dedicata a Israele e per questo 
al centro di polemiche ferocissime e di una campagna di boicottaggio 
degli scrittori palestinesi, arabi ed anche israeliani critici con la 
decisione di dedicare la Fiera del Libro di quest’anno ad uno Stato 
che celebra il suo atto di nascita specularmene ai sessanta anni di 
un’altra catastrofe (Nakba): quella dei palestinesi che furono 
espulsi con la violenza dalle loro terre a centinaia di migliaia.

Sabato 10 maggio infatti proprio a Torino ci sarà una manifestazione 
nazionale convocata dalle reti e dai comitati di solidarietà con il 
popolo palestinese impegnati da molte settimane in una campagna di 
informazione e denuncia sulla insostenibile situazione della 
popolazione palestinese a sessanta anni dalla nascita di Israele (e 
della negazione della nascita di uno stato per i palestinesi) e 
contro l’inopportunità di dedicare proprio in questa occasione la 
Fiera del Libro di Torino a Israele.

Fausto Bertinotti potrebbe e dovrebbe scegliere un luogo diverso per 
il suo grande rientro in pubblico. Partecipare alla Fiera del Libro 
dedicata ad uno stato che si regge sull’occupazione militare e 
coloniale e sull’apartheid proprio mentre nelle strade di Torino 
sfileranno i palestinesi e il popolo della sinistra che ne sostiene i 
legittimi diritti e la resistenza, non può che apparire come una 
inaccettabile provocazione.

24 aprile 2008

Il Forum Palestina

Mail: forumpalestina@libero.it
Sito: http://www.forumpalestina.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.