Un palestinese ucciso e altri feriti dalle pallottole israeliane a sud di Hebron

Hebron – Infopal. Ieri, lunedì 2 febbraio, un giovane palestinese è stato ucciso e altri sono rimasti feriti dal fuoco delle forze di occupazione israeliane vicino alla cittadina di Yatta, a sud di Hebron, in Cisgiordania.

Fonti locali nella cittadina di Bani Naim hanno riferito il nome del giovane ucciso: si tratta di Taisir Shihdah Manasrah, commerciante di 26 anni, che stava recandosi nei territori occupati nel 1948 (Cisgiordania), come al solito, per commerciare.

Le fonti hanno confermato il ferimento di altre persone che viaggiavano con lui nell’automobile raggiunta dalle pallottole israeliane, mentre si trovavano a Khirbet Jinbeh, a sud di Yatta. I soldati israeliani hanno quindi prelevato il cadavere del giovane, poi consegnato alla famiglia. Sono inoltre entrati in forze nella cittadina di Bani Naim e hanno fatto irruzione nell’abitazione del giovane, perquisendola minuziosamente.

Secondo l’esercito di occupazione un uomo armato avrebbe sparato contro i soldati israeliani, che a loro volta avrebbero risposto al fuoco uccidendo l’aggressore, vicino alla colonia di Beit Yathir. Il palestinese avrebbe sparato con un kalashnikov contro i soldati che si trovavano al check point militare; l’arma sarebbe stata ritrovata vicino al cadavere. Altre versioni israeliane dicono che l’auto su cui viaggiava il giovane era carica di esplosivo e che questi stava tentando di entrare in Israele per compiere un attentato.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.