Un prigioniero nelle carceri israeliane rischia di diventare cieco

Ramallah – Infopal. Il Centro Palestinese per i diritti umani ha esposto il caso del prigioniero palestinese Majdi Ahmad Hamad, del campo profughi di Jabaliya (Striscia di Gaza), il quale, attualmente, si trova in stato di cecità.

In prigione dal 1991, Ahmad sta scontando una pena di sei ergastoli e già da tempo aveva perso la vista da un occhio.

A causa della noncuranza da parte del personale medico della prigione israeliana in cui è detenuto, in questo momento Ahmad rischia di perdere anche l'altro occhio.

Ra'fat Hamduna, presidente del Centro, ha sollecitato le organizzazioni per i diritti umani – locali ed internazionali – a mobilitarsi perché Israele permetta di visitare il prigioniero Ahmad e a fare di tutto perché recuperi la vista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.