Un rappresentante del parlamento israeliano chiede la chiusura di tutti i campi profughi palestinesi

Tell er-Rabi' (Tel Aviv) – Memo. Un rappresentante della Knesset, il parlamento israeliano, si rivolge alla comunità internazionale affinché si facciano le dovute pressioni sull'Autorità nazionale palestinese (Anp) per la chiusura definitiva di tutti i campi profughi.

I campi dei rifugiati palestinesi che, stando all'ultima richiesta di Reuven Rivlin, dovrebbero essere chiusi sono quelli in Cisgiordania, Striscia di Gaza, Siria, Libano e Giordania.

Rivlin sostiene che il diritto al ritorno dei rifugiati palestinesi rappresenti una minaccia all'esistenza dello Stato ebraico, mentre in una riunione del partito al governo in Israele, il Likud, Rivlin dichiara che nessun accordo di pace sarà concluso tra le parti fino a quando i palestinesi faranno un uso politico della questione dei rifugiati.

Il diritto al ritorno dei profughi palestinesi è in agenda nelle ultime fasi degli incontri tra Israele e palestinesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.