Un sondaggio: per l’86,2% dei palestinesi il governo non è responsabile per il ritardo nel pagamento degli stipendi.

Dal nostro corrispondente.

 

La maggioranza dei partecipanti al sondaggio pubblico, effettuato dal sito di www.aljazeera.net,  ha sottolineato che Israele e la comunità internazionale sono i responsabile del ritardo del pagamento degli stipendi nei territori palestinesi. Ciò evidenzia che, a livello popolare, si rendono conto dell’ampiezza delle pressioni che sta affrontando il governo palestinese guidato da Hamas.

L’82,2% dei partecipanti al sondaggio (17.644) sostiene che Israele e la comunità internazionale sono i responsabili del ritardo nel pagamento degli stipendi nei territori palestinesi, mentre il 13,8% dei partecipanti (2.825) ha risposto che il responsabile è il governo palestinese.

La domanda nel sondaggio era: chi è il responsabile del ritardo nel pagamento degli stipendi nei territori palestinesi? Il sondaggio è durato dal 4 al 7 settembre 2006, e vi hanno partecipato 20.469 visitatori del sito www.aljazeera.net.

 

Un popolo sveglio

Omar Shaaban, esperto di economia palestinese, ha commentato il sondaggio dicendo: “Qualsiasi governo sulla terra se messo nelle stesse condizioni che sta vivendo attualmente il governo palestinese non avrebbero potuto pagare gli stipendi”.

E ha aggiunto che “Israele è il responsabile del boicottaggio perché ha bloccato 500 milioni di dollari, che sono i soldi delle tasse che spettano di diritto al popolo palestinese, e non sono un dono”, e ha invitato la comunità internazionale a punire Israele per aver sequestrato i soldi dei palestinesi.

L’esperto di economia ha sottolineato che Israele, nel passato, quando ha bloccato la rendita delle tasse, non ha pagato gli interessi. Quindi ha invitato il governo palestinese a chiedere a Israele di liberare i soldi delle tasse e a chiedere anche gli interessi.

Shabaan ha affermato: “Israele ancora impone condizioni sui passaggi e sul trasporto agricolo. Dal 23/6 a oggi, il passaggio di Karni è chiuso completamente alle merci palestinesi: sono passati soltanto 19 camion. Israele ha impedito ai palestinesi di trovare soldi da altre fonti”.

E ha proseguito dicendo: "Questo non significa che il governo palestinese non debba sforzarsi molto per rompere il boicottaggio e far conoscere le violazioni di Israele contro il popolo palestinese, punito collettivamente per la sua scelta democratica”.

E ha aggiunto: “I risultati del sondaggio confermano che il nostro popolo è cosciente e si rende conto completamente della situazione, nonostante la propaganda della stampa israeliana e occidentale per distorcere la verità. Il nostro popolo si rende conto di chi è il responsabile della crisi. E chi è il responsabile dei grandi debiti della società palestinese? E chi è il responsabile dell’eredità pesante lasciata dai governi precedenti che hanno messo il popolo palestinese in difficoltà e hanno creato l’alta dipendenza. Il nostro popolo palestinese si rende conto della politica portata avanti dal precedente ministero dell’economia, che ha effettuato sperperi e spese non necessarie per accontentare i potenti rendendo l’autorità palestinese dipendente per l’80% dagli aiuti esterni. Allora, i responsabili di questa crisi sono coloro che portano avanti questa politica”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.