Un uomo di fede

Riceviamo e pubblichiamo.

Al-Awda-Italia

http://palestinanews.blogspot.com/2008/03/notizie-in-breve.html

Un uomo di fede.

E’ lecito presumere che anche un rabbino, in quanto uomo di fede, sia
persona mite e pia, ben disposta verso il suo prossimo, ma non sempre
è così.

E allora accade che il rabbino capo di Safed, Shmuel Eliyahu, inviti
il proprio governo ad una "orribile vendetta" contro gli Arabi a
seguito del recente attacco alla scuola rabbinica Mercaz Harav, al
fine di ristabilire il potere di deterrenza israeliano.

E cosa propone il buon rabbino, in un articolo scritto per una
newsletter distribuita nelle sinagoghe di tutto il Paese?

E’ molto semplice: "appendere ad un albero i figli del terrorista che
ha compiuto l’attacco alla yeshiva Mercaz Harav".

Magari con un cartello al collo con la scritta "banditi", come si
usava ai bei tempi andati…

Qualcuno di recente ha dichiarato – in una lettera in cui si
spiegavano i motivi della propria conversione al cattolicesimo – che
l’Islam è una religione "fisiologicamente" violenta.

Beh, alla luce delle dichiarazioni di certi rabbini, forse poteva
dare uno sguardo anche all’ebraismo!

Le incredibili dichiarazioni di Tzipi Livni.
Nel corso di una conferenza organizzata ieri a Gerusalemme, il
ministro degli esteri israeliano Tzipi Livni ha avuto modo di
dichiarare che le operazioni dell’esercito israeliano a Gaza non
ostacolano il processo di pace ma, al contrario, aiutano a farlo
progredire.

Ne saranno senz’altro lieti i familiari e gli amici dei 124
Palestinesi uccisi durante l’operazione "Hot Winter", e in
particolare i 31 bambini massacrati dai macellai di Tsahal tra il 27
febbraio e il 2 marzo di quest’anno: il loro sacrificio non è stato
vano, ma è servito a far "progredire" il processo di pace!

La Livni si è anche lamentata del fatto che esiste "un enorme e
intollerabile divario" tra chi sono gli Israeliani e quali sono i
loro valori, e l’immagine di Israele nel mondo.

Chissà mai perché!

La centodiciottesima vittima.
A proposito di vittime innocenti, martedì notte è morta a Gaza
Jazyiah Abu Hilal, una Palestinese di 65 anni da tempo ammalata di
cancro, a cui le autorità israeliane hanno negato il permesso di
recarsi all’estero per ricevere le cure mediche adeguate al caso, non
disponibili nella Striscia.

Si tratta della centodiciottesima vittima innocente
dell’inammissibile blocco imposto alla Striscia di Gaza a partire dal
giugno dell’anno scorso, che impedisce ai Palestinesi di poter uscire
da Gaza persino per ricevere trattamenti sanitari urgenti e
indifferibili.

Si tratta di un bilancio senz’altro incompleto, in quanto, come
riferisce l’organizzazione Physicians for Human Rights, molti
Palestinesi che conoscono l’attuale situazione ai valichi di
frontiera rinunciano a un’attesa estenuante e senza speranza, e
preferiscono morire a casa loro.
Non riusciamo a immaginare una forma di punizione collettiva più
barbara e disumana di quella di negare ad un malato la possibilità di
ricevere le cure mediche che potrebbero salvargli la vita, metterlo
di fronte all’angosciante alternativa di un permesso o di una
reiezione (ovvero alla possibilità di non ricevere affatto risposta),
alternativa che può rappresentare la differenza tra la vita e la
morte.

Ma parlare di diritti umani quando si ha a che fare con Israele ormai
non ha più alcun significato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.