Una campagna di arresti in diverse parti della Cisgiordania

Le forze di  occupazione israeliana, all’alba di lunedì, hanno arrestato due palestinesi: Mohammad Ali Dhaher Abu Ayyash e Raed Aziz Ikhlil dopo aver invaso diverse abitazioni delle cittadine di Beit Amer e di Rabud nella provincia di Hebron a sud della Cisgiordania.

 

Nello stesso contesto, le forze di occupazione israeliana durante la loro operazione che continua nel campo profughi di Ain Bait al-Maa e nella zona ovest della città di Nablus, hanno arrestato cinque cittadini, sono: Hamdi Taha, Omar Shawkat, Hazen al-Saadi, Adnan Qatuni, e Mu’taz Misbah.

 

Le forze di occupazione hanno invaso il campo profughi di Jalazon a nord di Ramallah e hanno arrestato un studente universitario dopo aver circondato e perquisito la sua abitazione danneggiando il contenuto.

 

Testimoni oculari hanno riferito che i soldati di occupazione hanno invaso il campo alle due e mezzo di notte, e hanno circondato la casa del giovane Ali Arabi Nakhlah (22 anni) e lo hanno arrestato, studia programmazione all’Università di Bir Zait.

 

Inoltre l’esercito di occupazione, all’alba, ha invaso il villaggio di Abu Frakh e ha arrestato tre giovani, non si conosce la loro identità.

 

Nello stesso tempo le forze di occupazione hanno arrestato un cittadino della cittadina di Abu Dis vicino a Gerusalemme occupata.

 

Fonti oculari hanno riferito che una grande forza dell’occupazione “guardia di frontiera” appoggiata da un’altra forza speciale sono penetrati nella cittadina e hanno arrestato il giovane Abdallah Arafat Yaqub Abu Sabtan (19 anni) dopo aver perquisito la sua abitazione in maniera dettagliata.

 

Munqeth Abu Rumi, direttore dell’ufficio stampa “Asrana” ha riferito che le forze di occupazione, durante questa operazione, hanno chiuso i membri della famiglia Abu Sabtan in una sola stanza per circa due ore e hanno aggredito il giovane Abdallah prima di arrestarlo.

 

E ha indicato che il giovane Abu Sabtan è stato liberato dalle prigioni israeliane poco tempo fa, dopo una prigionia di un anno e mezzo.

 

Su un altro versante, le forze di occupazione, all’alba di oggi, hanno invaso i due villaggi di Salem e Der al-Hatab a est della città di Nablus e hanno perquisito diverse abitazioni dei cittadini.

 

I soldati di occupazione hanno chiuso le strade che collegano i due villaggi alle altre zone vicine, non ci sono notizie di arresti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.