Una ‘Eid di sangue: attacco israeliano massacra 7 persone e ne ferisce decine di altre.

Dal nostro corrispondente.

Oggi, nel primo giorno di ‘Id Al-Fitr, 7 cittadini sono stati uccisi nella città di Beit Hanoun, nel nord della Striscia di Gaza, e circa una ventina di altri feriti, nell’attacco delle forze di occupazione israeliane.

Fonti sanitarie hanno reso noto che le sette vittime, sei delle quali membri della stessa famiglia – probabilmente appartenente a un leader dei Comitati di Resistenza Popolare -, sono state uccise all’istante da unità speciali israeliane travestite da arabi, i "must’a’ribin".

I "must’a’ribin" hanno fatto fuoco contro l’abitazione della famiglia Al-Shinbari, nell’area di Bayarat Zamo, a Beit Hanoun, dove era allestita una tenda per le condoglianze – la famiglia, infatti, stava celebrando il lutto per la morte di un congiunto.

Nell’attacco sono morti: ‘Atta Fuad al-Shinbari, leader dei CRP, i suoi fratelli Muhammad e Ibrahim, Kamal Adnan Al-Shinbari e i suoi fratelli Riyad e Khalid. Il settimo è Rami Musa Hamdan.

Altri 20 sono stati feriti dai colpi israeliani. L’artiglieria ha infatti bombardato tutta la zona per coprire la fuga del commando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.