Un'autobomba esplode e uccide 2 palestinesi.

Uccisi due palestinesi e feriti altri cittadini, ieri sera, a seguito dell’esplosione di un’autobomba nel quartiere di Shaikh Muslim, nel centro della città di Gaza, in Cisgiordania.

Fonti della sicurezza nazionale palestinese hanno comunicato la morte di due cittadini e il ferimento di numerosi altri.

Una delle vittime è stata identificata: si tratta di Mahmoud Fatayer (18 anni). Il secondo cadavere è stato identificato con difficoltà perché carbonizzato: Wajdi Al-Amudi.

Subito dopo la forte esplosione che ha scosso la città, e che ha causato un incendio in un negozio vicino, centinaia di cittadini sono accorsi sul posto per dare soccorso ai feriti e trasportarli negli ospedali.

L’esplosione ha causato anche l’interruzione  nell’erogazione della corrente elettrica su una vasta zona della città di Nablus.

 

Un attentato fallito

Da parte sua, Nasr Al-Kharaz, portavoce delle bBigate Al-Aqsa ha dichiarato: "L’attentato è un tentativo israeliano di uccidere l’attivista delle brigate nella città di Nablus, Sufian Qandil".

Al-Kharaz ha confermato la salvezza di Qandil, e ha detto: ha  lasciato il posto ad un posto sicuro, aggiungendo che quest’operazione avviene nell’ambito dell’escalation israeliana contro il popolo palestinese.

Fonti palestinesi hanno riferito che l’auto è stata portata da Gerusalemme da una persona non identificata, ed è stata fatta saltare in aria a distanza,. Ciò fa pemsare – dicono i palestinesi -ai servizi segreti israeliani .

Le forze di occupazione avevano inserito il nome di Sufian Qandil nella lista degli attivisti dell’Intifada che intendono eliminare o arrestare attraverso operazioni militari nascoste.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.