UNRWA: 360.000 fuggono da Rafah a causa degli attacchi israeliani

Gaza. Il numero dei palestinesi costretti a lasciare Rafah a causa degli attacchi delle forze israeliane è salito a 360.000, ha riferito lunedì l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi, UNRWA.

“Quasi 360.000 persone sono fuggite da Rafah dal primo ordine di evacuazione una settimana fa”, ha dichiarato l’UNRWA su X.

“Nel frattempo, nel nord di Gaza, i bombardamenti e altri ordini di evacuazione hanno creato più sfollamenti e paura per migliaia di famiglie”, ha aggiunto.
L’agenzia ha inoltre sottolineato: “Non c’è nessun posto dove andare. Non c’è sicurezza senza un cessate il fuoco”.

Dal 7 ottobre Israele conduce un’offensiva incessante sulla Striscia di Gaza. Da allora, secondo le autorità sanitarie palestinesi, più di 35.000 palestinesi sono stati uccisi a Gaza, soprattutto donne e bambini, e altri 78.400 sono rimasti feriti.

Secondo le Nazioni Unite, a più di sette mesi dall’inizio della guerra israeliana, vaste aree di Gaza sono in rovina, sfollando con la forza l’85% della popolazione dell’enclave in mezzo a un blocco paralizzante di cibo, acqua pulita e medicine.

Israele è accusato di genocidio davanti alla Corte internazionale di giustizia. Una sentenza provvisoria di gennaio ha affermato che è “plausibile” che Israele stia commettendo un genocidio a Gaza e ha ordinato a Tel Aviv di fermare tali atti e di adottare misure per garantire che venga fornita assistenza umanitaria ai civili a Gaza.

Tuttavia da allora Israele ha preso il controllo del valico di Rafah, attraverso il quale quasi tutti gli aiuti umanitari entravano a Gaza. Nessun aiuto è stato consentito nella Striscia da quando Israele ha alzato la sua bandiera sul valico.