V conferenza sulla non-violenza partita ieri a Bil’in.

Ramallah. Centinaia di palestinesi e rappresentanti israeliani e internazionali hanno avviato ieri la V Conferenza sulla resistenza non-violenta nel villaggio di Bil'in, nella Cisgiordania centrale. Oltre ai ministri palestinesi, funzionari Usa e Ue hanno preso parte all'apertura degli incontri.

Bil'in è la sede della protesta settimanale non-violenta anti-Muro che si svolge ogni venerdì da più di cinque anni.

 

Il primo ministro palestinese Salam Fayyad ha mostrato sostegno per la lotta popolare non-violenta del villaggio di Bil'in e di altri centri della Cisgiordania. Fayyad ha anche ribadito le richieste palestinesi di libertà e giustizia, e ha terminato il suo discorso alla conferenza ringraziando tutti quelli che sono giunti a partecipare dall'esterno insieme agli abitanti del villaggio.

 

Eyad Burnat, capo del comitato locale contro il Muro e le colonie e organizzatore della conferenza, ha dichiarato a Imemc di essere rimasto sorpreso dal numero di delegazioni ufficiali straniere presenti ieri.

 

Le proteste settimanali del venerdì unite ai ricorsi legali hanno già portato la Corte suprema di giustizia israeliana a ordinare uno stop alla costruzione del Muro.

 

Il tribunale ha anche ordinato un cambiamento del percorso del tratto di Muro costruito sulla terra di Bil'in. Grazie alla sentenza, agli abitanti sono stati restituiti 275 dei 600 acri che Israele stava per sottrarre.

 

Questo è dovuto anche al fatto che, fin dall'inizio delle proteste cinque anni fa, alla loro lotta si è unito il sostegno di numerosi dimostranti israeliani e internazionali.

 

Michael Warschawski, attivista politico israeliano presente alla conferenza, ha dichiarato a Imemc: “Partecipare è un gesto naturale, veniamo qui ogni settimana per unirci nella lotta contro il Muro”.

 

La conferenza di Bil'in terminerà domani in coincidenza con la manifestazione. L'anno scorso, durante uno dei venerdì di protesta, l'esercito uccise l'attivista palestinese Bassem Abu Rahma.

(Fonte: Imemc)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.