Valico di Rafah: aperto per qualche ora e immediatamente richiuso.

Aperto per qualche ora e poi richiuso: il valico di Rafah ha di nuovo serrato i suoi cancelli in faccia a centinaia di palestinesi che avrebbero dovuto transitare nei due lati, egiziano e palestinese. Le autorità israeliane ne hanno infatti disposto il blocco poco dopo una breve riapertura.

Sono rimasti fuori centinaia di cittadini malati, anziani e studenti.

Questa situazione amplifica una già drammatica situazione di assedio economico e politico internazionale, di cui le prime vittime sono i malati, i vecchi e i bambini. Ricordiamo che il valico di Rafah costituisce l’unico collegamento tra la Striscia di Gaza e il mondo esterno. Il terminal è stato aperto soltanto poche giornate negli ultimi sei mesi e soprattutto per i "casi umanitari".

Secondo un report pubblicato dall’Ufficio per il Coordinamento degli  Affari Umanitari dell’Onu lo scorso mese di novembre, il valico di Rafah è rimasto chiuso per l’ 86% delle giornate dal 25 giugno a oggi (data del rapimento del soldato Jilad Shalit a opera di fazioni della resistenza palestinese). E questo, "per ragioni di sicurezza". Oltre a tutto il resto, ciò ha bloccato l’esportazione di prodotti della Striscia, aggravando la crisi economica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.