VI Conferenza di Fatah: tempestose accuse a Abbas.

 

Betlemme. Stava per scoppiare il finimondo, ieri, alla VI Conferenza di Fatah in corso a Betlemme: i membri di 18 comitati differenti hanno chiesto conto dei venti anni di attività del movimento e delle scelte finanziarie, per scopire che il Comitato centrale non aveva redatto alcun rapporto. Lo racconta oggi l'agenzia di informazioni Maan News.

Il leader di Fatah, nonché presidente dell'Anp con mandato scaduto, Mahmoud Abbas, è stato invitato nella sala conferenze diverse volte, da riunioni parallele cui stava prendendo parte, per mediare le divergenze tra i membri e il Comitato centrale.

Abbas ha spiegato che le 46 pagine del suo discorso, tenuto il giorno precedente, comprendono gli ultimi venti anni, dalla V Conferenza svoltasi a Tunisi, e sono il “documento di riferimento” che rimpiazza il report mai stilato dal Comitato centrale.

Alcuni delegati hanno accusato Abbas di proteggere i membri del Cc dall'accusa di aver fallito il loro lavoro, e lui ha risposto che chiunque abbia commesso errori verrà punito.

Il portavoce di Fatah, Nabil Amr, da parte sua, ha definito il secondo giorno di Conferenza, “tempestosa”.

Articoli correlati:

Betlemme, aperti i lavori della VI Conferenza di Fatah.

VI Conferenza di Fatah, Hamas: Abbas si è offerto come servitore dell'occupazione.

VI Conferenza di Fatah, il j'accuse di Qaddumi: finti rivoluzionari al soldo degli Usa e di Israele.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.