Villaggio palestinese nel Negev demolito per la 20a volta

An-Nasera (Nazareth) – InfoPal. Per la ventesima volta, questa mattina i bulldozer isrealiani hanno demolito il villaggio palestinese di al-Araqib, nel Negev (nei territori israeliani del '48).
Testimoni oculari hanno raccontato ai nostri corrispondenti che un vasto spiegamento di forze di polizia israeliane e unità speciali hanno invaso il villaggio e hanno circonato le abitazioni, costringendo gli abitanti, in maggioranza donne e bambini, a uscire fuori al freddo e alla pioggia.
E hanno aggiunto che le forze di invasione hanno posto uno stretto assedio al cimitero, dove si erano rifugiati gli abitanti dopo la demolizione delle loro case.
Dimostranti e residenti si sono rifiutati di abbandonare il cimitero anche se la polizia e le forze speciali l'hanno dichiarato “zona militare chiusa”.
Al-Araqib è un'area palestinese all'interno del deserto del Negev occupato da Israele nel 1948 non riconosciuta dal governo di Tel Aviv, e dal 2010 è sotto costante e ripetuta demolizione. Ieri, mercoledì 16 febbraio, le forze israeliane l'hanno distrutta per la 19a volta.
L'”Alto comitato di monitoraggio per i cittadini arabi” ha chiesto alle autorità locali una riunione di emergenza per questa sera, con i rappresentanti del comitato, per “discutere gli ultimi sviluppi e l'adozione di misure di sostegno del villaggio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.