Violenza contro nonviolenza: i soldati israeliani aggrediscono manifestazioni pacifiche. Diversi feriti.

 

Gaza – Infopal. Ieri, a Bil’in, nei pressi di Ramallah, diversi manifestanti sono stati feriti dai proiettili sparati dalle forze di occupazione israeliane, altri sono rimasti asfissiati dai gas lacrimogeni.

L’esercito israeliano è intervenuto a aggredire e disperdere la consueta manifestazione pacifica e nonviolenta organizzata, da tre anni a questa parte, tutti i venerdì, contro il Muro dell’Apartheid.

Fonti palestinesi hanno riferito che tra le persone asfissiate ci sono i deputati Mustafa al-Barghouthi e Qais Abdelkarim, il Giudice supremo di Palestina, Shaikh Taisir at-Tamimi. Un pacifista di San Francisco, negli Usa, è stato ferito alla testa dalle pallottole israeliane.

Al-Barghouthi ha aggiunto che i soldati hanno attaccato la pacifica manifestazione “in maniera selvaggia”, ferendo diverse persone, e ha spiegato che la protesta contro il Muro e il regime di Apartheid costruito da Israele nei territori palestinesi si sta allargando anche alle fasce popolari e in altre aree, come Khader e Um Salmuna.

Alla manifestazione hanno partecipato diversi dirigenti.

Manifestazione al-Khader

A al-Khader, in provincia di Betlemme, un’altra manifestazione pacifica contro il Muro è stata oggetto di brutale aggressione dalle forze di occupazione israeliane, che hanno ferito il dott. Mohammad Odah del Medical Relief e altri due soccorritori della stessa organizzazione.

Testimoni oculari hanno riferito che i soccorritori del Medical Relief sono stati aggrediti dai soldati israeliani mentre tentavano di soccorrere i feriti.

Il Medical Relief ha condannato le violenze contro il personale sanitario che compie il proprio dovere soccorrendo i feriti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.