Violenze dell’esercito contro la pacifica manifestazione di Nil’in.

Ramallah – Infopal. Ancora violenze contro la consueta manifestazione nonviolenta contro il Muro di Annessione, a Nil’in: decine di palestinesi, pacifisti israeliani e internazionali, tra cui un attivista belga, sono rimasti soffocati dai lacrimogeni lanciati dall’esercito israeliano.

Come ogni venerdì, dopo la preghiera comunitaria in moschea, i cittadini del villaggio, situato nella provincia di Ramallah, hanno dato vita a una manifestazione, insieme a israeliani e stranieri, per protestare contro il Muro e la sottrazione di terre palestinesi. In un comunicato stampa, A’hid al-Khwajah, coordinatore del Comitato Popolare contro il Muro, ha affermato che la preghiera è stata interrotta da decine di coloni ebrei, accompagnati da soldati e con bandiere israeliane e megafoni, che si sono introdotti nell’area della moschea disturbando lo svolgimento della celebrazione religiosa.

Nel pomeriggio, il Comitato e i manifestanti hanno organizzato una commemorazione dei 15 palestinesi uccisi dall’esercito israeliano durante i cortei contro il Muro. Ricordiamo che, tra le vittime, ci sono un bambino di 10 anni, Ahmed Mousa, ucciso il 29 agosto scorso da proiettili di "gomma" sparati a breve distanza dai soldati di frontiera, a Ni’lin, e un adolescente, Yousef Amira, anche lui assassinato dalle "innocue" pallottole di gomma (in realtà, acciaio rivestito di gomma).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.