Viva Palestina: il convoglio umanitario 'Lifeline 5' partirà oggi da Londra

Londra – InfoPal. Nell'ambito della campagna Viva Palestina, partirà oggi il convoglio via terra 'Lifeline 5', guidato dall'ex parlamentare britannico, George Galloway.

Il portavoce della campagna, Zaher Birawi, ha annunciato che in giornata un primo raduno si terrà nel cuore di Londra, presso il Tamigi e che presto si partirà per la Francia per incontrare gli altri partecipanti con i quali avviare il primo coordinamento.

Seguiranno Lione, Italia, Grecia, Turchia e Siria, dove si prevede si arrivare tra il primo e il 2 ottobre.

In Siria ci sarà una preparazione congiunta con i convogli organizzati da altri paesi arabi: Marocco, stati del Golfo e Giordania.

Si raduneranno 200 automobili e i partecipanti saranno 400.

Dal porto di Latakia (Siria) ci si dirigerà verso quello egiziano di al-'Arish e da lì, l'intero carico sarà scaricato e fatto attraversare passando dal valico di Rafah.

Tra le prime comunicazioni, Zaher Birwai ha fatto sapere che il gruppo del Marocco avrebbe incontrato alcuni ostacoli alla frontiera con l'Algeria che avrebbe impedito il passaggio via terra.

Dal porto libico di Bengasi, la delegazione sarebbe dovuta partire per Latakia e, dopo gli ultimi impedimenti, si è deciso di raggiungere il resto del gruppo via aerea.

Zaher ha fatto sapere che, finora, non c'è stato alcun accordo con le autorità egiziane e ha affermato che il convoglio farà leva sul fatto che, dall'assalto israeliano contro la Freedom Flotila, il valico di Rafah è rimasto aperto.

In conclusione, il portavoce ha comunque specificato che avvieranno le comunicazioni con l'Egitto una volta completato il raduno di tutti i partecipanti in Siria.

In Italia, il convoglio internazionale arriverà martedì 21, attraverso la Valle di Susa (che collega le Alpi francesi a quelle italiane). Alle ore 14, è atteso a Torino, in piazza Castello.
 
Dall'Italia, 7 veicoli e 15 attivisti si uniranno alla carovana, che il 22 sarà a Milano, il 23 ad Ancona, per poi imbarcarsi per la Grecia, e di lì, dirigersi verso la Turchia, la Siria, l'Egitto e la Striscia di Gaza.

Altre info su: http://www.vivapalestina.org/

Articoli correlati:

http://infopal.it/leggi.php?id=15890

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.