Voci dai movimenti militanti palestinesi con le violenze israeliane

Gaza – Infopal. Il movimento del Jihad Islamico ha organizzato ieri sera dimostrazioni a Gaza City, protestando contro gli assalti dei coloni israeliani nelle città e nei villaggi palestinesi in Cisgiordania e all’interno d’Israele.

Il leader del movimento, Khader Habib, ha tenuto un discorso di fronte a centinaia di manifestanti, che chiedevano solidarietà per il villaggio di Safa, a nord di Hebron, invaso ieri mattina da coloni sionisti e forze militari.

L’attacco ha avuto come conseguenza il ferimento di 38 persone, 11 delle quali sono state colpite dalle pallottole dei soldati israeliani.

Per questo, i manifestanti di Gaza hanno intonato cori d’incoraggiamento alla resistenza ininterrotta contro le aggressioni a Gerusalemme, Hebron, Umm al-Fahim, Acri e Giaffa. Nei loro slogan, oltre a questo, invocavano anche l’interruzione di ogni tipo di collaborazione con Israele.

“La resistenza è la risposta naturale di un popolo sotto il peso dell’occupazione, dell’assedio e delle violenze”, ha detto Khader Habib. “Vogliono scacciarci ancora una volta, e farci vivere una nuova Nakba, ma non accadrà, perché resteremo nelle nostre terre”.

Le Brigate al-Qassam, l’ala armata di Hamas, ha affermato nella stessa giornata di ieri che le operazioni di resistenza ai danni d’Israele aumenteranno finché quest’ultima continuerà a compiere attacchi terroristici contro il popolo palestinese, oltre a proseguire la giudaizzazione di Gerusalemme, che ha raggiunto un livello di pericolosità senza precedenti.

In una dichiarazione pubblicata sul sito online di al-Qassam, il portavoce Abu ‘Obaydah ha sottolineato che “la presenza dell’occupazione costituisce una ragione naturale, oltre che sufficiente, perché i palestinesi si difendano con tutti i mezzi a loro disposizione”.

Abu ‘Obaydah ha anche evidenziato il fatto che “non si è manifestata alcuna differenza tra i vari governi israeliani in termini di criminosità e sete di sangue, eccetto per la forma in cui ognuno di essi ha espresso le proprie idee estremistiche”.

Quasi a conferma delle parole del mujahid, la radio ebraica ha citato ieri il capo dello Stato Maggiore delle forze di occupazione, Gabi Ashkenazi, secondo il quale Israele non esiterebbe a intraprendere un’altra guerra nella Striscia di Gaza, se vi fosse costretta.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.