Yair Golan: una nuova guerra contro la Striscia di Gaza è possibile

<!–[if !mso]> <! st1:*{behavior:url(#ieooui) } –>

Tel Aviv – Infopal. Il capo del fronte interno dell’esercito di occupazione israeliano, Yair Golan, ha ammesso la possibilità di una larga operazione militare contro la Striscia di Gaza come quella di fine dicembre 2008.

Golan, in un suo discorso sui preparativi del fronte interno per un prossimo scontro militare, pronunciato ieri sera all’Istituto di Ricerca Nazionale per la Sicurezza di Israele, nella città di Tel Aviv, ha affermato: “Una vasta operazione militare contro Gaza, che spero non accada, è comunque possibile”. Ha quindi spiegato come non consideri remota l'eventualità di altri scontri contro Iran, Siria e Libano: “Dobbiamo pertanto prepararci a tutte le guerre possibili”.

Ha poi proseguito dicendo che “le solite vecchie minacce si sono trasformate in minacce reali. Durante la guerra contro Gaza ci siamo preparati per i missili a lunga gittata, lanciati dalla resistenza palestinese, installando gli allarmi a distanza di 30 km dalla frontiera della Striscia di Gaza. Non avevamo però previsto che i missili potessero arrivare fino a Be’er Sheva, ma durante la guerra abbiamo installato gli allarmi anche in quella città”. Saranno installati migliaia di allarmi in tutto Israele, secondo una distribuzione di un allarme ogni 700 metri quadrati.

Il capo del fronte interno ha infine confermato che questo provvedimento costerà centinaia di milioni di Shekel, e ha aggiunto: “Nell’ambito dei preparativi per eventuali altri scontri, distribuiremo le maschere protettive a tutti gli abitanti di Israele: queste maschere costituiscono infatti una componente importante in qualsiasi guerra”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.