Centinaia di fedeli musulmani eseguono la preghiera dell’alba ad Al-Aqsa

Gerusalemme/al-Quds-PIC e Quds Press. Centinaia di fedeli musulmani hanno eseguito la preghiera del venerdì, al-Fajr (alba), nella moschea di Al-Aqsa, nella Gerusalemme occupata, in risposta alla chiamata della “Grande Alba” a pregare nel luogo sacro musulmano.

Fin dalle prime ore del giorno, i palestinesi, comprese le famiglie, si sono riuniti alle porte di Al-Aqsa per pregare, confermando i legami spirituali dei palestinesi con il luogo sacro e respingendo i piani di ebraicizzazione e annessione dell’autorità israeliana di occupazione (IOA).

Diversi attivisti hanno lanciato appelli per pregare nella moschea di Al-Aqsa per contrastare l’escalation degli attacchi dell’IOA a Gerusalemme.

Per quanto riguarda coloro a cui è stato vietato l’accesso ad Al-Aqsa, hanno risposto a questa chiamata pregando alle porte della Moschea e nelle sue vicinanze.

La campagna della “Grande Alba” è stata lanciata all’inizio dello scorso anno dalla moschea Ibrahimi di al-Khalil/Hebron, poi dalla moschea di Al-Aqsa, e molte altre moschee hanno seguito l’esempio in Cisgiordania, a Gaza e in diversi paesi del mondo arabo e islamico.

tag: , , , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"