Coloni guidati dal rabbino Glick invadono al-Aqsa

Gerusalemme-PIC. Il rabbino israeliano Yehuda Glick si trovava tra le decine di coloni che martedì mattina hanno invaso i cortili della moschea di al-Aqsa, sotto la protezione della polizia.

Secondo il Dipartimento islamico per i beni religiosi della Gerusalemme occupata, circa 109 coloni, tra cui Glick e sette studenti universitari e religiosi, hanno visitato la moschea e ascoltato storie sul presunto monte del tempio.

Funzionari del Dipartimento hanno riferito di aver visto alcuni coloni mentre eseguivano rituali durante i loro tour nella Moschea.

Nel frattempo, la polizia israeliana, lo stesso giorno, ha arrestato l’attivista pro al-Aqsa Nafisa Khuwais, mentre si trovava in una delle porte della Moschea, e ha consegnato ad un’altra attivista, Fatima al-Sous, un’intimazione per un interrogatorio.

La moschea al-Aqsa è esposta all’invasione quotidiana dei coloni al mattina e al pomeriggio, tranne il venerdì ed il sabato.

La polizia israeliana chiude la porta di al-Maghariba, che viene utilizzata dagli ebrei per entrare nella moschea, alle 10:30, dopo che i coloni hanno completato i loro tour mattutini nel luogo sacro. Più tardi nel pomeriggio, lo stesso cancello viene riaperto per i tour serali dei coloni.

Traduzione per InfoPal di H.F.L.

tag: , , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"