Da quando è in discussione la sopravvivenza del popolo ebraico, non c’è posto per la ‘morale’.

Da Effedieffe.

Da quando è in discussione la sopravvivenza del popolo ebraico, non 
c’è posto per la "morale".

Yehezkel Dror

29 maggio 2008

L’articolo che segue è autentico. E’ stato pubblicato, circa una 
decina di giorni fa, da un luminare israeliano sul quotidiano ebraico-
socialista newyorkese Forward

L’ autore pone un sillogismo: il popolo ebraico è sempre in pericolo 
e la sua sopravvivenza è condizionata da quella dello Stato 
d’Israele. Su questa base, questo Stato può intraprendere qualsiasi 
cosa, affrancandosi dalle regole morali, sino a quando lo giudichi 
necessario per la sopravvivenza del popolo ebraico. In altri termini, 
«l’argomento della Shoah» dispensa lo Stato d’Israele dal 
rispettare il diritto internazionale.

Poche persone non convengono con il fatto che tutti i dirigenti 
ebraici, tutte le organizzazioni ebraiche, tutte le comunità 
ebraiche, e tutti i singoli ebrei hanno il dovere di assumersi la 
continuità del popolo ebraico. Ma, in un mondo dove l’esistenza  nel 
lungo periodo dello Stato  d’Israele è lontana dall’essere garantita, 
l’imperativo di esistere dà luogo, inevitabilmente, a domande difficili.

La principale è la seguente: quando la sopravvivenza del polopolo 
ebraico entra in conflitto con la morale del popolo ebraico, la sua 
esistenza vale la candela, o anche, questa esistenza è possibile?

L’esistenza fisica, tenderei ad arguire, ha la precedenza. 
L’esistenza fisica è necessariamente un preambolo,  per quanto morale 
una società aspiri ad essere.

Israele, in quanto Stato ebraico, è minacciato da pericoli manifesti, 
sia interni che esterni. E’ molto verosimile che il crollo d’Israele 
o la sua perdita d’identità ebraica, avrebbe come conseguenza lo 
scalzamento del popolo ebraico nel suo insieme. Anche nell’esistenza 
stessa di uno Stato ebraico, dei pericoli meno evidenti, ma non  meno 
fatali, minacciano l’esistenza durevole della diaspora nel lungo 
termine. Quando le necessità per l’esistenza entrano in conflitto con 
altri valori, conseguentemente, la Realpolitik dovrebbe avere la 
precedenza.

Dopo la minaccia di un conflitto disastroso con dei protagonisti 
islamici quale l’Iran, fino alla necessità di mantenere dei 
distinguo tra «noi» e gli «altri» in modo da limitare 
l’assimilazione, questo imperativo dovrebbe servire da guida per i 
decisionisti politici.

Sfortunatamente, la storia umana rigetta l’affermazione idealista 
che, uno Stato, una società o il suo popolo, per soppravivere  
debbano avere un atteggiamento morale. Date le realtà prevedibili del 
21° secolo e anche quelle future, sono inevitabili delle scelte 
corneliane, per le quali le necessità esistenziali contraddicono 
spesso, altri valori importanti.

Alcuni potrebbero arguire che dare la priorità all’esistenza, 
potrebbe al fine divenire controproducente per la stessa, in quanto 
quello che può essere giudicata un’azione immorale potrebbe 
scalzarne il sostegno, tanto interno quanto esterno, essenziale per 
lo Stato d’Israele. Comunque la logica propria della Realpolitik dà 
il primato all’esistenza, relegando agli ultimi posti una qualsiasi considerazione etica.

La triste realtà è che il popolo ebraico rischia di essere 
confrontato con delle scelte tragiche, per le quali devono essere 
sacrificati valori importanti, nell’interesse di quelli ancora più 
importanti.  Decisioni responsabili, in situazioni così difficili, 
richiedono una presa di conoscenza senza ambiguità riguardo alle 
questioni morali in causa, soppesando con cura tutti i valori e tutte 
le assunzioni di responsabilità nel formare un proprio giudizio 
autonomo. Queste decisioni esigono anche uno sforzo, e per quanto sia 
possibile, la violazione di valori morali.

Ciononostante, il popolo ebraico confrontato con tali dilemmi, non si 
deve far ingannare dal politicamente corretto, né da altre mode 
suscettibili di ostacolarne il pensiero.

Trattandosi della Cina, per esempio, certi sforzi tendenti a 
rafforzare i legami tra la superpotenza e il popolo ebraico, 
dovrebbero mettere la sordina alle campagne ben intenzionate tendenti 
a interferire con la politica interna di Pechino, in modo specifico 
nel suo modo di gestire la questione del Tibet. Lo stesso discorso 
vale per la Turchia, dato il ruolo cruciale di pacificatore che esso 
ha in Medio Oriente: il dibattito sulla questione armena dovrebbe 
essere lasciato agli storici, di preferenza non ebrei.

Questo non significa necessariamente sostenere la politica cinese, né 
denigrare quella armena, ma tener presente che il popolo ebraico deve 
pensare in primo luogo alla sua esistenza, per quanto morali o 
immorali queste prese di posizioni possano essere.

E’ richiesta una valutazione dei valori a priori, in modo da poter 
disporre di guide pronte per formare un giudizio nei contesti 
specifici, o in condizioni di crisi. Più globalmente si tratta di 
stabilire se l’imperativo per il popolo ebraico consista 
nell’esistere, al punto da superare la quasi totalità degli altri 
valori, oppure se si tratti di un imperativo confuso ad altri di 
rango similare. Data sia la storia sia la situazione attuale del 
popolo ebraico, sarei propenso a dire che l’imperativo sia il primo e 
precede tutti gli alti.

Lasciamo da parte tutti i discorsi di natura trascendentale, i 
comandamenti biblici, e le parole sagge, che sono le une come le 
altre soggette a interpretazioni diverse. La giustificazione della 
priorità che deve essere accordata alla necessità dell’esistenza è 
quadrupla:
primo, il popolo ebraico ha un diritto inerente all’esistenza, 
esattamente come qualsiasi altro popolo o altra civilizzazione.

Secondo, un popolo che è stato regolarmente perseguitato da più di 
mille anni è moralmente autorizzato, in termini di giustizia  
distributiva, a essere particolarmente impietoso quando si tratta di 
prendersi cura della propria esistenza specialmente in materia di 
diritto morale, che dico, di dovere di uccidere e essere ucciso, se 
questo è essenziale per garantire la sua esistenza; anche al costo 
di altri valori e altre persone. Questo argomento è tanto più 
imparabile, alla luce di tutte le uccisioni senza precedenti di 
qualche decennio fa, di un terzo del popolo ebreo; un crimine di 
massa che è stato sostenuto direttamente e indirettamente, o almeno 
non è stato impedito quando era possibile, da delle larghe frange del 
mondo civile.

Terzo,  in base alla storia dell’ebraismo e alla storia del suo 
popolo, ci sono delle forti possibilità che noi continueremo a dare 
all’umanità dei contributi etici particolarmente necessari. Tuttavia 
per poterlo fare, abbiamo bisogno di una esistenza stabile.

Quarto,  lo Stato d’Israele è il solo paese democratico la cui stessa 
esistenza è messa in pericolo da personaggi particolarmente ostili, 
senza che, ancora una volta, il mondo prenda delle contromisure 
decisive, che si impongono. Questo giustifica, anzi lo implica. Delle 
misure non solo inutili, ma potenzialmente immorali in altre 
circostanze.
Il popolo ebraico deve accordare molto più peso a quello che è il 
proprio imperativo, per garantire la sua sopravvivenza.

Ci sono beninteso dei limiti; niente potrebbe giustificare un 
genocidio. Ma, a parte delle rare eccezioni, o essere uccisi e 
distrutti, la trasgressione di norme assolute e totalizzanti è 
preferibile. L’esistenza del popolo ebraico compreso quello dello 
Stato d’Israele, deve essere considerata la prima priorità.

La sicurezza di Israele è sostenuta in maniera significativa dalle 
buone relazioni con la Turchia e la Cina. Alcuni argomentano che la 
Turchia è colpevole di genocidio contro gli Armeni in passato, e che 
la Cina oggi sta reprimendo i Tibetani e la sua opposizione interna; 
che i dirigenti e le organizzazioni ebraiche devono sostenere i due 
Paesi, o almeno restare neutri nei loro confronti. Come minimo i 
dirigenti ebraici non devono accodarsi alle organizzazioni umanitarie 
che condannano la Turchia e la Cina.

Nello stesso modo, i dirigenti ebraici devono sostenere invece le 
durissime misure prese contro dei terroristi che, potenzialmente 
mettono gli ebrei in pericolo, fosse anche al prezzo di violazioni 
dei Diritti dell’Uomo e del Diritto Umanitario Internazionale
.

Se la minaccia è sufficientemente grave, il ricorso a armi di 
distruzione di massa da parte di Israele sarebbe giustificato, dal 
momento in cui sarebbe manifestamente necessario per assicurare la 
sopravvivenza di Israele, qualsiasi sia il numero imponente di 
vittime civili innocenti.

Non c’è dubbio, il dibattito sul sapere cosa sia veramente 
necessario all’esistenza resta aperto. Il fatto di donare la priorità 
all’imperativo di esistere non implica necessariamente che si 
sostenga dalla A alla Z la politica di Israele.

Infatti è vero il contrario; i dirigenti, le organizzazioni  e gli 
individui della diaspora hanno il dovere di criticare la politica 
israeliana, che, dal loro punto di vista, mette in pericolo lo Stato 
ebraico e l’esistenza del suo popolo. Essi hanno il dovere di 
proporre politiche alternative che ne garantiscano l’esistenza.

Ma in fin dei conti, non c’è nessun modo per aggirare le implicazioni 
pratiche, impietose e dolorose, di dare la priorità all’esistenza, 
in quanto norma morale superiore, per il fatto di essere morali sotto 
altri aspetti. Quando questo è importante per l’esistenza del popolo 
ebraico, la violazione dei diritti altrui deve essere accettata, con 
disappunto certamente, ma con determinazione
. Il sostegno o la 
condanna di altri Paesi e delle loro rispettive politiche devono 
essere eliminati prima di tutto, alla luce delle probabili 
conseguenze su questo giudizio per l’esistenza del popolo ebraico.

Riassumendo: gli imperativi per l’esistenza devono essere accordati 
con la priorità su altre condizioni per quanto importanti possano 
essere tra le quali i valori progressisti e umani, o ancora il 
sostegno dei Diritti dell’Uomo e la democratizzazione. Questa 
conclusione tragica, pertanto finale, non è facile da accettare, ma è 
essenziale per il futuro del popolo ebraico.

Una volta garantita la nostra esistenza, ciò che include la sicurezza 
fondamentale per Israele, molto può e deve essere sacrificato 
sull’altare del tikkun olam (ebr. "riparazione del mondo" ndt). 
Ma stante le realtà prevedibili presenti e future, la garanzia 
dell’esistenza è la priorità delle priorità.

Yehezkel Dror

Presidente fondatore  del Jewhis People Policicy Planning Institute, 
e professore emerito  in scienze politiche all’ Università ebraica di 
Gerusalemme. Vincitore del Premio Israele nel 2005, ha fatto parte 
della commissione d’inchiesta Winograd, sulla guerra israeliana 
contro il Libano nell’estate del 2006

Tradotto per EFFEDIEFFE.com da Claudia Marus

COMMENTI: http://www.effedieffe.com/content/view/3380/176/

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"