Gli Stati Uniti ripristinano gli aiuti ai Palestinesi

Washington-Wafa. Gli Stati Uniti hanno annunciato mercoledì il ripristino degli aiuti finanziari al popolo palestinese che ammontano a 235 milioni di dollari, tra cui 150 milioni dollari destinati all’Agenzia delle Nazioni Unite per il Soccorso e il Lavoro dei Rifugiati Palestinesi, UNRWA.

Gli aiuti statunitensi ai Palestinesi erano stati interrotti del tutto dall’ex-presidente Donald Trump.

Il Segretario di stato USA Antony Blinken ha dichiarato che gli Stati Uniti prevedono di riavviare l’assistenza economica, allo sviluppo e umanitaria al popolo palestinese. Aiuti che consistono in 75 milioni di dollari destinati all’economia e allo sviluppo in Cisgiordania e a Gaza, 10 milioni di dollari per i programmi di pace portati avanti dall’Agenzia Statunitense per lo Sviluppo Internazionale (USAID), e 150 milioni di dollari per aiuti umanitari all’UNRWA.

“Stiamo anche riavviando programmi essenziali di assistenza alla sicurezza. Tutti gli aiuti verranno forniti in conformità alle leggi USA. L’assistenza economica comprende il sostegno alla ripresa delle piccole e medie imprese dagli effetti del COVID-19; sostegno alle famiglie disagiate per accedere ai bisogni umani primari, come cibo e acqua pulita; e aiuti alla società civile palestinese. Una parte di questi fondi andrà a sostegno della rete ospedaliera di Gerusalemme Est, che continua a fornire trattamenti necessari e salvavita ai Palestinesi. Questo finanziamento si aggiunge ai 15 milioni di dollari destinati all’assistenza sanitaria, annunciati dagli Stati Uniti a marzo, per affrontare la pandemia di COVID-19 e l’insicurezza alimentare”, ha dichiarato Blinken.

“Gli Stati Uniti stanno riprendendo il sostegno ai servizi dell’UNRWA, inclusa l’istruzione per oltre 500.000 ragazzi e ragazze palestinesi, fornendo così speranza e stabilità nei cinque campi di attività dell’UNRWA in Libano, Giordania, Siria e Cisgiordania e Striscia di Gaza. I finanziamenti all’UNRWA forniscono anche assistenza indispensabile per il COVID-19, tra cui assistenza sanitaria, medicinali e forniture mediche, nonché aiuti in denaro e cibo alle famiglie gravemente colpite dal COVID-19”.

Blinken ha affermato che l’assistenza esterna da parte degli USA al popolo palestinese serve importanti interessi e valori statunitensi. “Fornisce un aiuto fondamentale a chi ne ha grande bisogno, promuove lo sviluppo economico e sostiene la comprensione israelo-palestinese, il coordinamento della sicurezza e la stabilità. Inoltre è in linea con i valori e gli interessi dei nostri alleati e partner. Gli Stati Uniti sono impegnati a promuovere la prosperità, la sicurezza e la libertà sia per gli Israeliani che per i Palestinesi in modo tangibile e nell’immediato, il che è importante di per sé, ma anche come mezzo per avanzare verso una soluzione negoziata dei due stati”.

Ha invitato “altri donatori a sostenere programmi e attività che lavorano a favore di un obiettivo comune di stabilità e progresso, sia per Israeliani che per Palestinesi”.

Traduzione per InfoPal di Aisha T. Bravi

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"