Lieberman e Levy: ‘Non c’è nessuna crisi umanitaria a Gaza, quindi la Freedom Flottila è un atto provocatorio e inutile’

PressTV e IMEMC. Così si sono espressi due leader israeliani: Lieberman, Ministro degli Esteri del governo di Israele, e il col. Moshe Levy, a capo del Coordinamento per gli affari di Gaza.

Nessun filtro quindi alle parole di due leader di rilievo in Israele: uno politico ed uno militare.

Nessuna decenza di fronte la catastrofe umanitaria di un milione e mezzo di palestinesi, chiusi da oltre quattro anni in un embargo ingiusto, illegale e senza limite.

Affianco a storie, immagini, drammi familiari e devastazioni personali, i leader israeliani non sono ancora soddisfatti dallo stato di gravità che viene ripetutamente confermato dai dati [forniti da moltissime organizzazioni, tra cui quelle dell'ONU, ndr]. 

È recente il sondaggio di UNDP che indica l'assedio israeliano su Gaza come la principale causa della crisi umanitaria: è impossibile ricostruire e progettare nel breve periodo.

Le parole dei due leader riportano alla mente la brutalità dell'occupazione israeliana forte della sua strategia di rosicchiare fino all'ultimo, di devastare tutto quanto incontri e di offendere ad oltranza un popolo martire.

Insieme agli aiuti umanitari (materiale edilizio, medicinali e macchinari ospedalieri, beni di prima necessità e materiale destinato a scuole e università), la Freedom Flotilla porta con sé occhi e telecamere per testimoniare.

Questo è quanto aspettano i palestinesi di Gaza: aspettano che questa Flotilla porti la fine dell'embargo.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"