Maryam, la prima vittima dei proiettili israeliani contro la Marcia del Ritorno, potrà riprendere a camminare

Istanbul-InfoPal. Maryam è una bella ragazzina palestinese della Striscia di Gaza, ha 16 anni e ha già attraversato più volte il mare della sofferenza: nel 2005, all’età di 3 anni, le forze israeliane le uccisero il padre, rendendola orfana; il 30 marzo del 2018, giorno di inizio della Grande Marcia del Ritorno contro l’assedio su Gaza e per il diritto al Ritorno nei Territori palestinesi occupati da Israele, le spararono a una gamba con proiettili a farfalla, chiamati “dum-dum” dai Palestinesi, spappolandole le ossa. Poi varcò il terminal di Rafah, nel tentativo, vano, di farsi curare in un ospedale egiziano, e, alla fine, attraversò il Mediterraneo, diretta a Istanbul, in Turchia, dove, finalmente, trovò accoglienza e medici disposti a ricostruirle la gamba distrutta dalle bombe sperimentate da Israele nella Striscia di Gaza sotto assedio.

Abbiamo incontrato Maryam nella sua casa di Istanbul, dove vive con la mamma e i fratellini, in attesa di terminare l’infinita serie di chirurgie ricostruttive e tornare a casa, a Gaza. 

Eravamo parte di una delegazione di giornalisti, politici e attivisti umanitari europei e arabi a Istanbul per il Tawasul III, il forum internazionale sui Media e la Palestina -, guidata dall’API e Abspp onlus, e con la partecipazione dell’ex vice-presidente del Parlamento Europeo, Luisa Morgantini.

Maryam è stata la prima di una serie lunghissima di vittime palestinesi della ferocia israeliana ai confini con la Striscia di Gaza.

“Mi trovavo davanti alla barriera, ero disarmata – racconta l’adolescente -. Sventolavo la bandiera palestinese, quando i soldati israeliani mi spararono un proiettile a farfalla, frantumandomi la gamba. Fu una sofferenza terribile. La prima operazione avvenne a Gaza, senza anestesia, a causa della grave mancanza di strumentazioni mediche e farmaci prodotta dal blocco israeliano.

“La mia famiglia tentò di farmi curare in Egitto, ma lì strapparono le mie cartelle mediche. Inoltre i medici volevano amputarmi la gamba. Un video che parlava del mio caso e delle ferite inferte dai soldati israeliani, mi aiutò a trovare soccorso in Turchia. Gli Egiziani avrebbero voluto rimandarmi a Gaza, ma l’ambasciatrice turca al Cairo si oppose e si offrì di aiutarmi, e così fece anche l’ambasciata palestinese. Finalmente riuscii ad arrivare a Istanbul, dove un’organizzazione umanitaria, la IHH, si occupò di trovare una casa per me, mia madre e i miei fratelli, e sta pagando le mie spese mediche”.

Finora Maryam ha subito 48 operazioni chirurgiche, e altre ancora l’aspettano, per la ricostruzione della gamba, ridotta in pezzi e in putrefazione, e per poter riprendere a camminare. Dieci medici specializzati l’hanno operata e curata.

A Istanbul lei e i suoi fratelli stanno frequentando le scuole.

Maryam è una dei tanti bambini e adolescenti feriti o uccisi dalle forze israeliane durante la Grande Marcia del Ritorno – la manifestazione di massa in corso da marzo di quest’anno, per i diritti innegabili del popolo palestinese a una vita degna e al Ritorno nei luoghi d’origine delle loro famiglie.

Ci si chiede quando e se, finalmente, il colonialismo israeliano pagherà per i crimini che compie da 70 a questa parte contro la popolazione autoctona palestinese.

Angela Lano

 

 

tag: , , , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"