OMS: solo l’1% delle domande degli abitanti di Gaza feriti ha ricevuto l’approvazione per trattamenti esterni

Gaza-Imemc e Wafa. A settembre, il tasso di approvazione di permessi israeliani per lasciare Gaza allo scopo di trattamenti sanitari all’estero, avanzati dai feriti durante le proteste della Marcia del Ritorno vicino alla barriera di confine con Israele, è stato significativamente inferiore al tasso di approvazione generale: delle 18 domande solo una, cioè l’1 %, è stato approvato; uno negato; e 16 sono in ritardo, ha dichiarato l’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) nel suo rapporto mensile sull’accesso alla salute per i pazienti palestinesi nei Territori occupati, pubblicato mercoledì 31 ottobre.

Nel complesso, a settembre, solo il 58% delle domande di permessi per lasciare l’enclave assediata, attraverso Israele, per cure mediche negli ospedali di Gerusalemme Est o della Cisgiordania, è stato approvato.

Sono state approvate complessivamente 1.074 domande (555 uomini, 519 donne), cioè il 58% delle 1.837 totali, per attraversare il passaggio di Beit Hanoun / Erez tra Gaza e Israele, a settembre. Oltre un terzo (37%) dei permessi approvati riguardava minorenni e quasi un quinto (22%) era costituito da anziani di età superiore ai 60 anni.

Il rapporto dice che 95 domande di pazienti (66 uomini, 29 donne), il 5% del totale, non hanno ottenuto il permesso di attraversare Erez, per richiedere assistenza sanitaria a settembre. Tra i permessi negati ci sono stati sette minorenni e 14 pazienti di età pari o superiore a 60 anni.

Un totale del 18% delle domande negate riguardava appuntamenti in neurochirurgia, il 17% in oculistica, il 17% in ortopedia e il 12% per il trattamento ed esami su tumori. Più del 90% delle domande di autorizzazione negate riguardavano appuntamenti negli ospedali di Gerusalemme Est o in Cisgiordania.

L’OMS ha affermato che a 668 domande di pazienti (394 uomini, 274 donne), pari al 36% del totale, è stato ritardato l’accesso alle cure, non avendo ricevuto alcuna risposta definitiva alla loro domanda entro la data del loro appuntamento in ospedale.

Di queste, 161 domande riguardavano minorenni e 71 domande riguardavano pazienti di età pari o superiore a 60 anni. Delle 668 domande in ritardo, il 16% riguardava appuntamenti in oncologia, il 15% in ortopedia e il 10% in oculistica. Il restante 59% era per 26 altre specializzazioni.

Delle 1.837 domande per attraversare Beit / Hanoun Erez per assistenza sanitaria, a settembre, il 30% riguardava minorenni, il 17% riguardava pazienti di età superiore ai 60 anni e il 45% di domande erano destinate a pazienti di sesso femminile.

Due terzi (67%) delle domande per attraversare Erez erano destinati agli appuntamenti negli ospedali di Gerusalemme Est, meno di un quinto (18%) erano per gli ospedali israeliani e meno di uno su sei (il 15%) per gli ospedali della Cisgiordania.

Makassed Hospital (29%) e Augusta Victoria Hospital (29%), entrambi a Gerusalemme est, a cui gli Stati Uniti hanno recentemente sospeso tutti i finanziamenti, hanno ricevuto tre quinti dei rinvii.

Le domande di autorizzazione per le prime cinque specializzazioni hanno rappresentato oltre i tre quinti (63%) dei deferimenti: oncologia (30%); ematologia (9%); pediatria (9%); ortopedia (8%); e oculistica (7%). I restanti deferimenti erano per altre 25 specializzazioni, secondo WAFA.

Traduzione per InfoPal di Laura Pennisi

tag: , , , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"