Raid israeliano su Gaza: 6 palestinesi assassinati in 24 ore

Gaza – Speciale InfoPal. Altri 4 palestinesi sono stati assassinati ieri sera nella Striscia di Gaza, in un altro bombardamento dell’aviazione israeliana contro Beit Hanoun, a nord del territorio assediato, e in una esecuzione sommaria.

Un missile è stato sganciato direttamente contro le due vittime: Jihad ash-Shabaat, 23 anni, e Hassan ‘Abdo az-Za’nin, entrambi di Beit Hanoun. Un terzo palestinese è rimasto ferito.

Israele sostiene sempre che queste operazioni siano la risposta al lancio di razzi da Gaza.

Palestinesi feriti rapiti, e uccisi, dagli israeliani. Due ragazzi sono stati rapiti dalle forze d’occupazione israeliane ad est del campo di al-Magazi, al centro di Gaza, in seguito a duri scontri  tra i militari israeliani e resistenti palestinesi.

Fino a questa mattina non si sapeva nulla sul loro destino, né si sapeva se i due avessero preso parte attiva agli scontri in cui era stato fatto esplodere un ordigno.

Stando al primo aggiornamento giunto da Gaza, i due palestinesi rapiti dai soldati israeliani erano stati uccisi. Fonti medico-ospedaliere locali e il Comitato della Croce Rossa Internazionale hanno lavorato in coordinamento per il recupero dei corpi dei due ragazzi.

Già da principio era prevalso il sospetto che i due palestinesi fossero stati assassinati in una vera e propria esecuzione dopo il loro rapimento.

Sono raccapriccianti i dettagli del ritrovamento dei corpi delle due vittime appena arrivati in redazione: i due palestinesi sono stati assassinati con arma da fuoco a distanza ravvicinata. I loro corpi, a brandelli, sono stati presi in consegna dai soccorsi palestinesi. E’ impossibile ad ora il loro riconoscimento. Israele sostiene che i due palestinesi erano armati.

E’ appena giunta la notizia del loro riconoscimento. Sono Mohammed Basem Abu Ma’ilaq e Yousef at-Talbani, entrambi di 17 anni. I loro corpi ora si trovano all’ospedale al-Aqsa, a Deir al-Balah, al centro di Gaza.

Sale così a 6 il numero delle vittime a Gaza nel giro di 24 ore e a 3 il totale dei feriti.

Le brigate ‘Ezz id-Din al-Qassam minacciano di rispondere: “L’ala militare di Hamas non resterà inerme e promette una risposta a Israele per questo atto come per gli assissinii commessi nelle ultime ore a Gaza, tra combattenti e civili”.

Così si apprende per mezzo di un comunicato stampa rilasciato ieri sera dalle brigate al-Qassam: “Israele ci sta aggredendo, non possiamo non rispondere per proteggere la nostra popolazione, per noi questi crimini non possono restare nel silenzio”.

Aumenta il numero di attacchi israeliani su Gaza in intensità e frequenza: a giugno è aumentato il numero di vittime e la portata dei danni materiali (magazzini e aziende, case private).

La risposta. A poche ore dal raid israeliano, al-Qassam ha lanciato quattro razzi contro una base militare israeliana a nord di Gaza e questo, “al fine di ribadire che i palestinesi non resteranno a guardare i massacri compiuti da Israele”.

tag: , , , , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"