Resilienza palestinese e colonialismo israeliano: villaggio beduino demolito per 177ª volta

Wafa e PIC. Giovedì le autorità israeliane hanno demolito le tende e le rozze case nel villaggio beduino palestinese di al-Araqib, nel deserto del Negev, per la 177ª volta consecutiva.

Secondo fonti locali, i bulldozer scortati dalle forze di polizia israeliane hanno preso d’assalto il villaggio al mattino e hanno raso al suolo tutte le tende e le case improvvisate, sfollando i residenti locali, compresi bambini e anziani.

Israele aveva demolito il villaggio cinque volte durante l’anno in corso e l’ultima demolizione è avvenuta il 5 marzo 2020. Tuttavia, i residenti riusciranno a ricostruire nuovamente il loro villaggio e sfideranno i ripetuti tentativi di Israele di sradicarli dalla loro terra natale.

Israele considera illegali al-Araqib e decine di altri villaggi del Negev e rifiuta di riconoscerli come comunità palestinesi, sostenendo che i residenti locali non possono dimostrare di essere proprietari delle terre su cui vivono.

Video

 

tag: , , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"