Richard Falk: il mondo deve unirsi al movimento del Bds contro il colonialismo israeliano

Ramallah-Ma’an. Venerdì 9 maggio, un ufficiale dell’ONU ha invitato a manifestare solidarietà con i palestinesi, attraverso il boicottaggio e il disinvestimento nelle compagnie che traggono benefici dalle colonie.
In un rapporto pubblicato in arabo sul sito dell’ONU, il relatore speciale sulla situazione dei diritti umani nei Territori Palestinesi Occupati, Richard Falk, ha sollecitato organizzazioni e aziende in tutto il mondo ad unirsi al “crescente movimento internazionale di solidarietà contro l’occupazione israeliana”.
“Adesso è la migliore opportunità per i palestinesi di raggiungere un’autodeterminazione attraverso le pressioni alla base” e per raggiungere una “resistenza non violenta”, ha affermato Falk.
Il relatore speciale dell’ONU ha espresso disappunto per la continua espansione delle colonie israeliane, durante le negoziazioni di pace mediate dagli Stati Uniti, durate da luglio del 2013 fino a aprile del 2014.
“L’ultimo ciclo di trattative ha nuovamente creato false speranze, alimentando la frustrazione”, ha affermato Falk nel rapporto, che non è stato tradotto in inglese. 
In aggiunta, l’ufficiale ha avvertito gli stati membri dell’ONU riguardo la complicità con le violazioni israeliane dei diritti umani nella Palestina occupata. 
Falk, professore di diritto internazionale all’Università di Princenton (USA), che ha definito l’offensiva israeliana del 2008 contro Gaza come “crimine di guerra”, si è scontrato con forti critiche israelo-americane, per aver difeso il movimento internazionale del Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni, specialmente contro le attività coloniali israeliane.
Traduzione di H.F.L. 

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"