Francia: assaltata libreria araba

<!–[if !mso]> <! st1:*{behavior:url(#ieooui) } –>

Quattro ebrei francesi, membri della Lega di difesa ebraica (LDE), hanno attaccato e devastato la libreria di una coppia di arabi filopalestinesi.

 

I quattro, di età compresa tra i 16 e i 26 anni, sono stati arrestati per aver fatto irruzione nel negozio indossando delle maschere, distrutto i computer a colpi di bastone e dato fuoco ai libri e agli altri articoli di vendita. Il tutto è accaduto sabato scorso.

 

Ieri, sostenitori dei negozianti si sono radunati davanti al negozio, affermando che chi è a favore dei diritti dei palestinesi rifiuta di farsi intimidare dalle tattiche prepotenti della LDE.

 

Il ramo statunitense di quest’ultima, fra le altre cose, è stato definito organizzazione terorristica dall’FBI, a causa del suo frequente impiego della violenza per raggiungere obiettivi politici. Uno studio condotto dal Dipartimento USA dell’Energia, risalente al 1986, riportava testualmente: “Da più di un decennio, la Lega di difesa ebraica è uno dei più attivi gruppi terroristici degli Stati Uniti (…) Fin dal 1968, le operazioni della LDE hanno causato l’uccisione di sette persone e il ferimento di almeno 22 (…) Il 62% di tutte le azioni della LDE sono rivolte contro le proprietà; il 30% contro le attività economiche; il 4% contro lavoratori e istituzioni del mondo accademico; il 2% contro simboli religiosi.” (Dipartimento dell’Energia, Terrorism in the United States and the Potential Threat to Nuclear Facilities, R-3351-DOE, Gennaio 1986, pagg. 11-16)

 

Il gruppo fu fondato dal rabbino Meir Kahane, un estremista di destra che invocava apertamente lo sterminio degli arabi. Oltre alla LDE, gli viene anche attribuita la fondazione del movimento Kach, un gruppo terroristico bandito in Israele per aver condotto molteplici atti di violenza.

 

In Francia, la LDE guadagnò adesioni nel 2006, quando un giovane ebreo fu ucciso in un attacco anti-ebraico a Parigi. Il ramo francese dell’associazione dichiara di non essere collegato alla LDE degli Stati Uniti, ma ne mantiene lo stesso nome e la stessa filosofia.

 

La libreria attaccata sabato aveva già subito un’altra aggressione da parte della LDE proprio nel 2006, ma allora non vennero effettuati arresti.

 

Olivia e Nicholas Zamur, proprietari del negozio, hanno dichiarato in un’intervista con il quotidiano israeliano Yedioth Ahronoth: “Abbiamo visto qui oggi, per la prima volta, la solidarietà di centinaia di persone con la nazione palestinese, contro il governo francese filoisraeliano.”

 

Della LDE hanno poi detto: “È un’organizzazione fascista, che non esita ad assalire luoghi e persone. Non hanno nessuna paura perché, fino ad oggi, non è stato preso nessun provvedimento contro di loro. Comunque, tutto questo sta per cambiare. Tre anni fa, assaltarono la nostra libreria nel cuore della notte spaccando le finestre. Stavolta l’hanno fatto in pieno giorno, senza timore.”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.