Negata la libertà a Magda Fidda.

Gaza. L’associazione Wa‘ed per la difesa del detenuto ha condannato la decisione della Corte suprema sionista di negare la liberazione alla dott.ssa Magda Fidda, rinchiusa da un anno nelle carceri dell’occupazione. Secondo l’associazione, una simile decisione rientrerebbe nella politica di restrizioni in atto contro i prigionieri affiliati al movimento di resistenza islamica Hamas.
In un comunicato stampa emanato ieri, Wa‘ed ha quindi chiesto alle associazioni per i diritti umani sia arabe che internazionali di mobilitarsi a sostegno della causa dei detenuti e delle detenute palestinesi.
Come viene ricordato nel comunicato, le autorità di occupazione hanno arrestato Fidda l’8 giugno 2008 e l’hanno trattenuta cinque mesi, fino allo scorso primo gennaio, quando Fidda è stata trasferita agli arresti amministrativi per altri tre mesi, poi prolungati. Domenica, la corte ha respinto per la seconda volta una richiesta da parte degli avvocati per la liberazione della prigioniera, in detenzione da un anno senza una valida accusa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.