Pasqua cristiana: Israele vieta accesso al Santo Sepolcro. Aggressioni ai fedeli

Al-Quds (Gerusalemme) – InfoPal. Sabato 23 aprile, la polizia israeliana ha aggredito un gruppo di fedeli cristiani che stavano raggiungendo al-Quds (Gerusalemme) per celebrare la Santa Pasqua.

Il gruppo di palestinesi era diretto verso la Chiesa del Santo Sepolcro, quando, fermati presso un posto di blocco dei militari israeliani, è stato vietato loro di accedere alla Città vecchia. Contemporaneamente, però, agli stranieri veniva permesso il passaggio verso la Chiesa.

Dimitri Daliani, membro di Fatah e a capo dell’Assemblea dei cristiani in Terra Santa, ha denunciato l’atto delle forze d’occupazione israeliane aggiungendo: “E’ una pratica che non avrà mai fine. Per Israele è ordinario  e strategico privare i fedeli palestinesi del proprio diritto a seguire le funzioni religiose nella propria terra”.

Alle parole di Daliani ha fatto seguito il comunicato dell’Istituzione araba ortodossa gerosolimitana:
“Nel fine settimana appena trascorso, ci sono stati pestaggi e i militari d’occupazione non hanno esitato a utilizzare gas lacrimogeni per respingere i fedeli palestinesi. E’ una violazione alla libertà di culto oltre ad essere un’istigazione palese”.

Elisa Gennaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.